TrueRiders

SS340, itinerario in moto lungo l’Antica Via Regina

lago di lugano 355392083 740x494 - SS340, itinerario in moto lungo l'Antica Via Regina

Antica Via Regina. Un nome unico che ricorda una strada, l’attuale SS340, che mette in comunicazione Como e e Valsolda, al confine con la Svizzera, costeggiando il Lago di Como e il Lago di Lugano.

In questo itinerario dai panorami straordinari, poco meno di 100 chilometri in senso antiorario, partiremo ed arriveremo a Como, passando per la costa comasca verso Cernobbio, Moltrasio, Lenno, Tremezzina e Menaggio, per poi deviare verso ovest in direzione Porlezza e, una volta superato il confine, toccare Lugano e Mendrisio, prima di oltrepassare nuovamente il confine a Chiasso e rientrare a Como.

Un viaggio in moto da weekend, romantico e suggestivo, panoramicissimo e tutto da scoprire!

Informazioni utili

  • Lunghezza: 96 chilometri
  • Durata: 2 ore e mezza
  • Partenza: Como
  • Arrivo: Como
  • Principali località attraversate: Cernobbio, Menaggio, Porlezza, Lugano, Mendrisio, Chiasso

L’Antica Via Regina in moto. L’itinerario

Porlezza
Una veduta della zona di Porlezza, con i suoi bei colori autunnali

Splendida cittadina turistica sulle sponde dell’omonimo lago, Como è una delle località più amate dai lombardi che, in primavera e in estate, vi si riversano per qualche tuffo o per delle splendide passeggiate sul lungolago. Lasciamo Como attraverso Via Giuseppe Robelli e Viale Varese in direzione di Via Innocenzo XI, e imbocchiamo la SS340, la Via Regina come veniva chiamata un tempo.

Proseguiamo a passo non troppo spedito per godere gli straordinari panorami che vanno dal lago ai monti dolomitici, e che toccano i comuni di Cernobbio, Moltrasio, Laglio, Argegno, Lenno e Tremezzina. Dopo circa 35 chilometri giungiamo a Menaggio, dove la SS340 si biforca in due rami: la SS340dir, che prosegue verso nord fino al limite settentrionale del Lago di Como, e la SS340 vera e propria, che arriva fino al confine Italia-Svizzera e che seguiamo.

Appena 3.000 abitanti, Menaggio è inserita nel contesto della Val Menaggio, ed è una località turistica come molte sulle sponde del Lago di Como, anche grazie alla ferrovia, che vi arriva già alla fine dell’Ottocento. Da Menaggio, continuiamo a seguire la SS340 verso Porlezza, dove incontriamo il Lago di Lugano, estremamente ramificato e territorialmente diviso tra Italia e Svizzera.

Dopo Porlezza, seguiamo la strada per alcuni chilometri, tra splendide gallerie “aperte” con vista lago e stretti tornanti, fino ad arrivare alla dogana di Lugano, che è in realtà un piccolo casolare lungo la strada (Via Cantonale), dove si può acquistare la vignetta autostradale, dal costo di 40 franchi (circa 36 euro), indispensabile per percorrere la rete autostradale svizzera.

Seguiamo la Via Cantonale per alcuni chilometri e, dopo aver oltrepassato la Strada di Gandria e Via Riviera, ci troviamo al centro di Lugano, la bella “capitale italiana oltre confine”. Lugano è una città a misura d’uomo a tutto tondo. Le sue belle strade, i parchi e la natura incontaminata la rendono molto piacevole da visitare, soprattutto perché si trova a pochi chilometri dall’Italia, ed è dunque facilmente raggiungibile.

Lasciata Lugano, seguiamo la Strada 2 per alcuni chilometri fino a Melide, dove si trova l’antico ponte-diga di Melide, costruito nella prima metà dell’Ottocento. Per i più curiosi, ci si può fermare allo Swissminiatur, una sorta di Italia in Miniatura versione elvetica, prima di riprendere la strada verso Mendrisio.

Da qui, proseguiamo su Balerna e Chiasso sempre sulla Strada 2 e, una volta in città, superiamo il valico-dogana e rientriamo in Italia su Via Bellinzona e Via Innocenzo XI per rientrare direttamente a Como, al termine di questo nostro bel tour internazionale sulla Via Regina.