TrueRiders
Strada Assietta, Piemonte

Strada dell’Assietta, in moto sulle Alpi piemontesi

La Strada dell’Assietta è uno dei motoitinerari più suggestivi delle Alpi piemontesi. Un percorso interamente sterrato, che è adattissimo per un giro in moto non convenzionale.

Se le Alpi sono foriere di emozioni, la Strada dell’Assietta, dal canto suo, non fa certamente eccezioni. Situata in Piemonte, e più precisamente tra la Val Chisone e la Val di Susa, questo valico raggiunge nel suo punto più alto l’altezza sicuramente ragguardevole di 2.472 metri sul livello del mare, regalando dei panorami davvero suggestivi.

Ciò che rende la Strada dell’Assietta molto particolare, però, è il suo tracciato. Si tratta infatti di una strada pressoché interamente sterrata, dunque adatta a quelle escursioni “fuoristrada”, da fare sicuramente con attenzione e con una motocicletta adatta a questi terreni ma che, al contempo, ha davvero pochi eguali in questo tratto delle Alpi e che, per certi versi, ci ricorda il neanche troppo lontano Col du Sommeiller.

Informazioni utili

  • Lunghezza: 34 chilometri
  • Durata: 2 ore
  • Partenza: Sestriere
  • Arrivo: Pian dell’Alpe
  • Principali località attraversate: Strada dell’Assietta

Strada dell’Assietta in moto. L’itinerario

La Strada dell’Assietta ha una storia davvero suggestiva: nata come tracciato militare, che permettesse il collegamento con la Testa dell’Assietta e il Forte del Gran Serin, è poi stata aperta al pubblico, divenendo una meta amata dai motociclisti che vi possono, con una certa cautela, percorrere i diversi chilometri, scoprendo uno dei “sentieri da moto” più belli del Piemonte.

Questa strada bianca congiunge Pian dell’Alpe e Sestriere, e scorre per larghissima parte lungo i crinali di vette che superano, anche ampiamente, i 2.000 metri, risultando così straordinariamente panoramica e quanto più avventurosa non si possa chiedere.

Ogni anno, il percorso – che appartiene in parte al Comune di Sestriere e in parte alla Città Metropolitana di Torino (ovvero l’ex provincia) – viene ripristinato e messo in sicurezza durante la stagione primaverile-estiva, dacché durante il periodo autunnale e invernale le nevicate, spesso frequenti e copiose, rendono impossibile la percorrenza dell’Assietta.

Vale inoltre la pena ricordare che, trattandosi di uno sterrato, si applicano delle regole di percorrenza tanto restrittive quanto necessarie a garantire la sicurezza di coloro che si spingono fin quassù, a partire dalla velocità massima, fissata in 30 chilometri orari

Generalmente, inoltre, le giornate del mercoledì e del sabato, dalle 9 alle 17, prevedono l’interdizione totale ai mezzi a motore, sia per opere di intervento stradale e sia per garantire la percorribilità a mezzi non motorizzati o agli escursionisti che si muovono a piedi.

Sicurezza, attenzione ma anche divertimento: ecco cos’è la Strada dell’Assietta in moto!