TrueRiders

Torino-Lione in moto, itinerario tra le Alpi e le città transalpine

torino-lione-intro

Chi non ha sentito parlare di Torino-Lione? In ambito ferroviario, è vero, ma noi vogliamo proporvi questo itinerario transalpino in moto, e fidatevi che è davvero un percorso interessante!

In poco più di 300 chilometri, infatti, troverete pianure, montagne, passi alpini, città d’arte e tantissimo altro ancora. Niente male, vero? In fondo stiamo parlando di lasciare l’antica capitale Torino, deviare verso Sauze d’Oulx, risalire da Briançon verso Huez e Grenoble e, passando per i monti della Chartreuse, arrivare nella splendida Lione. Pronti a partire?

 

1° tappa – Da Torino a Briançon



torino

Chi non conosce Torino? Prima capitale del Regno d’Italia, splendida città sabauda, Torino è sia la porta d’ingresso occidentale per chi arriva dalla Francia, e sia una delle ultime “grandi italiane” in territorio cisalpino. Ne approfittiamo per scoprirne le bellezze, come la Mole Antonelliana o la Basilica di Superga, prima di metterci in cammino.

Lasciamo Torino seguendo Corso Regina Margherita, e ci immettiamo all’altezza di Pianezza sulla SP24, in direzione di Susa, seguendo il percorso per circa una cinquantina di chilometri, fino a Susa, dove inizia la discesa verso la zona del Sestriere. Da Susa in poi, la strada cambia nome in SS24, e ci conduce dritti a Cesana Torinese, a poca distanza dal confine.

Giriamo a sinistra, e sempre seguendo la SS24, raggiungiamo il confine di Stato all’altezza di Claviere e, una volta in territorio francese, seguiamo il percorso della N94 raggiungendo, in pochi chilometri, l’abitato alpino di Briançon, prima tappa intermedia, e tutta in territorio francese, dell’itinerario.

 

2° tappa – Da Briançon a Grenoble



briançon

1.325 metri di altezza, 12mila abitanti circa. Stiamo parlando di Briançon, la prima città che raggiungiamo una volta oltrepassato il confine. Arricchita dalla presenza di antiche fortificazioni, realizzate su progetto del genio militare Sébastien Le Prestre de Vauban, la cittadina è molto nota poiché si trova dal lato francese del Colle del Monginevro, uno dei valichi di confine più interessanti di questo lato delle Alpi.

Il tratto che separa Briançon e Grenoble, 117 chilometri in tutto seguendo la D1091, è un tratto che attraversa lo splendido Parc national des Écrins, ed è dunque particolarmente consigliato a tutti quei motociclisti che vogliono scoprire la bellezza della natura.

Lasciata Briançcon, ci immettiamo prontamente sulla D1091, detta per nostra comodità anche Route de Grenoble, in direzione di Le Monêtier-les-Bains, già nel territorio del Parco nazionale che vi accennavamo poco fa. Proseguiamo il nostro percorso sempre in direzione di Grenoble, oltrepassando Huez e Vizille, da dove poi ci immettiamo sulla N85 e infine sulla A480 che, tramite l’uscita 2, ci porterà dritti a Grenoble, penultima tappa intermedia della Torino-Lione su due ruote.

 

3° tappa – Da Grenoble a Lione



grenoble

Bella città prealpina, da molti definita “la Capitale delle Alpi” perché è la più grande tra le città che sorgono nelle immediate prossimità della catena montuosa (più grande delle celebri Trento, Innsbruck e Aosta), Grenoble ha una ottima qualità della vita, grandi servizi e soprattutto è una meta molto piacevole da visitare, prima di ripartire in vista di Lione.

Seguendo la D1085, l’ultima tappa di questo viaggio tra Italia e Francia, lungo le strade della Torino-Lione, ha una lunghezza di circa 112 chilometri, e soprattutto si tratta di un tratto abbastanza interessante, senza troppe difficoltà tecniche, ma comunque capace di regalarci dei bei paesaggi, come quelli del Parc naturel régional de Chartreuse.

Lasciata Grenoble, ci immettiamo sulla N481 per circa 4 chilometri, e usciamo allo svincolo 15. Da qui, proseguiamo per 11 chilometri sulla D1075 in direzione di Voreppe e, successivamente, proseguiamo sulla D1085/D502 per 35 chilometri verso Champier e, subito dopo, su Saint-Jean-de-Bournay e Boulevard Pinel.

Una volta entrati nella “cerchia urbana” di Lione, ci aspetta un ultimo tratto, pressoché rettilineo, di circa 7 chilometri e mezzo, che ci permetterà di raggiungere la nostra destinazione finale e, in particolare, la centralissima Rue de la République. Siamo arrivati!