TrueRiders

Transilvania e non solo, itinerario in moto lungo le strade della Romania

romania

Romania, terra di natura incontaminata e di tradizioni millenarie, che abbiamo imparato a conoscere negli ultimi anni, ma non completamente. Ecco dunque un’opportunità per “rimediare”, con un itinerario in moto lungo il suo entroterra.

Da Cluj-Napoca, nel nord del paese, ci spostiamo verso Targu Mures, per poi attraversare le montagne in direzione Brasov, non lontano dalla regione storica della Transilvania (quella del Conte Dracula, per intenderci), e deviando a sud verso Ploiesti, ultima tappa intermedia prima dell’arrivo nell’antica capitale Bucarest, una città tutta da scoprire.

Un percorso di 452 chilometri (metro più metro meno) che attraversa per ampia parte il tragitto della Strada europea E60, e che dunque ci facilita il compito di viaggiare, permettendoci di godere di quegli scenari che hanno fatto la fortuna di scrittori, cineasti e non solo, e che fanno della Romania una meta da scoprire, anche (e soprattutto) su due ruote.

 

1° tappa – Da Cluj-Napoca a Targu Mures



cluj napoca

Il nostro itinerario in moto lungo le strade della Romania prende il via dalla bella città di Cluj-Napoca, che un tempo veniva chiamata Clausemburgo, in italiano. Terza più grande città del paese, Cluj-Napoca è ricca di elementi turistici di pregio, e impregnata di una cultura duplice, rumena e ungherese, che le ha permesso un eccellente sviluppo, culturale e appunto turistico.

Ne approfittiamo per visitarla, prima di metterci in viaggio verso l’entroterra della Romania, e più precisamente lungo le strade della Transilvania, la zona che ricorre sempre spesso nei racconti di vampiri (e non solo). Lasciato il centro di Cluj-Napoca, oltrepassiamo il Bulevardul Nicolae Titulescu, e ci immettiamo sulla A3 (Autostrada Transilvania) in direzione della DN15/E60, che seguiamo per 105 chilometri, fino allo svincolo per Targu Mures.

Da qui, proseguiamo sulla Strada Recoltei, e successivamente la Strada Baneasa, che limita con Strada Ion Luca Caragiale, e che, in quattro chilometri (111 in totale sulla tappa) ci porta dritti nel centro storico di Targu Mures.

 

2° tappa – Da Targu Mures a Brasov



brasov

Ampia città industriale, dal passato riccamente legato all’Ungheria (intesa storicamente come Impero Austro-Ungarico), Targu Mures è oggi una città di medie dimensioni, che ospita numerose università, interessanti monumenti e alcuni appuntamenti culturali da scoprire.

Dopo una sosta più o meno lunga, a seconda delle varie esigenze, possiamo riprendere il percorso e immergerci pienamente tra le strade e i paesaggi della Transilvania, in direzione della bella Brasov. Usciamo dalla città prendendo la Strada Georghe Doja, e ci immettiamo sulla DC65 in direzione di Acatari, percorrendo questa strada locale per 11 chilometri, successivamente entriamo sulla E60, e viaggiamo in direzione di Sighisoara prima, e di Brasov poi, uscendo in corrispondenza dello svincolo per la Strada Aurel Vlaicu. Da qui, infine, ci immettiamo su Strada Mircea cel Batran, arrivando, in 169 chilometri complessivi, a destinazione.

 

3° tappa – Da Brasov a Bucarest



bucarest

L’antica Corona, questo il significato del nome originale, è una splendida città di circa 300.000 abitanti, situata su una zona collinare a circa 600 metri sul livello del mare. Dagli inverni freddi e nevosi, Brasov, con la sua antichissima Chiesa Nera e gli ampi scenari naturali, gode di una certa fama turistica, anche grazie alla vicinanza con destinazioni altrettanto note, come ad esempio Bran, dove si trova il famosissimo Castello di Dracula.

Dopo aver scoperto Brasov, ci mettiamo in viaggio in direzione sud, per raggiungere Ploiesti e, da qui, Bucarest. Come già nelle precedenti tappe, seguiamo ampiamente il percorso della DN1/E60, la principale direttrice nazionale nord-sud, e raggiungiamo Ploiesti in circa 108 chilometri di percorso, piuttosto lineare ma dai percorsi da scoprire.

Da qui, poi, possiamo decidere di proseguire verso Bucarest e sulla DN1/E60, e sulla A3, la cui unica differenza sostanziale è il punto d’arrivo (dopo circa 62 chilometri): la strada che stiamo seguendo, infatti, termina sul “raccordo anulare” di Bucarest in direzione nord, e penetra successivamente fino al centro città, mentre la A3 termina più in direzione est, permettendoci in ogni caso di poter raggiungere il centro di Bucarest senza particolari difficoltà.