TrueRiders

Trentino Alto Adige: in moto nella Valle dei Mocheni attraversando il Passo Redebus

shutterstock 68236108 740x494 - Trentino Alto Adige: in moto nella Valle dei Mocheni attraversando il Passo Redebus

La Valle dei Mocheni, nel Trentino orientale, è una meta molto affascinante dal punto di vista motociclistico. Attraverso la bellezza dei suoi panorami e la vitalità delle sue tradizioni culturali si potrebbe creare un suggestivo itinerario degno di nota in sella alla propria moto.

La Valle dei Mocheni in Trentino Alto Adige è composta da quattro comuni: Fierozzo (Vlarotz), Frassilongo (Garait), Palù del Fersina (Palai en Bersntol) e Sant’Orsola Terme. Quattro comuni in un contesto isolato, infatti per questa ragione le antiche tradizioni culturali e il dialetto locale preservano un sapore di un tempo lontano, come se fosse rimasto incantato e senza contaminazioni moderne.

L’itinerario proposto è un percorso circolare che, volendo, si potrebbe fare in entrambe le direzioni. Vi consigliamo però di partire da Persine Valsugana e utilizzare come strada la SP 8. Una volta lasciatala grande rotonda di Pergine, molto suggestiva perché nel suo centro c’è un imponente platano, si dovrà attraversare un lungo rettilineo alberato che ci porterà fuori da centro abitato. A questo punto si seguono le indicazione per Sant’Orsola Terme, il tutto dal punto di vista della segnaletica è tutto ben strutturato. Sbagliare strada è veramente molto difficile.

Ci si ritroverà, quindi, su una larga strada asfaltata. Proprio l’ottimo manto permette una guida divertente, insomma in questo tratto si può dare gas. Come al solito senza esagerare e rispettando i limiti del codice della strada. Il piacere della guida non termina, dopo essere passati per il centro abitato Canezza ci attende una piccola serie di tornanti molto larghi e scorrevoli. Se si volesse fare una sosta ai margini della carreggiata ci sono diverse aree attrezzate con tavoli e panche, l’ideale per un breve e veloce break. Se si volesse soddisfare anche qualche voglia culturale, consigliamo a Sant’Orsola il Museo della Pietra Viva dove è possibile osservare il più grande geode rinvenuto nell’arco alpino.

Passo del Redebus

shutterstock 526229242 768x510 - Trentino Alto Adige: in moto nella Valle dei Mocheni attraversando il Passo Redebus
I panorami naturali della vicina Val di Fiemme, nel Trentino Alto Adige

Per arrivare al Passo del Redebus si deve tenere la sinistra superata Palù di Fersina e poi prendere al bivio la SP n.224. Il passo Redebus è un valico alpino a quota 1.455 metri, famoso anche nel ciclismo essendo in quasi tutte edizioni del Giro d’Italia una delle vette più insidiose. Tornando alla nostra uscita in moto, seguendo la strada che porta al passo si può rientrare verso Pergine o proseguire verso la val di Cembra e la Val di Fiemme. L’itinerario ci porterà in un borgo molto interessante: Palù del Ferisna.

Qua c’è la sede dell’Istituto Cultura Mocheno, strumento di valorizzazione della tradizione culturale mochena. Proseguendo il nostro cammino, la strada scende verso il versante opposto della val dei Mocheni, i centri abitati che si incontrano solo quelli di Fierozzo e Frassilongo. Da Palù la strada scende verso la valle in un percorso a ritroso sull’altro versante

Nei pressi di Fierozzo si potrà proseguire alla volta di Pergine o altrimenti risalire alla volta del centro di Roveda. In tutto il suo percorso questa strada alterna tratti scorrevoli a percorsi più tortuosi e stretti, il che è molto gustoso quando si è alla guida di una moto. Vi consigliamo anche di perdervi nelle tante piccole chiese che si trovano sparse nei borghi della valle, alcune vale decisamente la pena visitare.

Percorso alternativo

La val dei Mocheni e l’altopiano di Pinè sono collegati non solo dal Passo del Redebus. C’è infatti la strada che da Mala (Sant’Orsola) dirige verso il paese di Faida (Miola di Pinè). Questa strada è unica: larga poco più di una corsia, è infatti utilizzata principalmente dai pochi residenti. Il manto stradale non è dei migliori. Ci sono delle da buche e molti dossi.

Il brecciolino, inoltre, è presente anche nella stagione estiva. Esso infatti viene seminato in inverno per aiutare l’aderenza in caso di neve, visto però il basso numero di auto che passa rimane ovviamente anche in estate. Nel complesso bisogna essere più attenti del solito nel percorrerlo, questa alternativa vi farà attraversare bellissimi boschi, masi e casette.

Fate attenzione alle indicazioni: non riportano i toponimi dei paesi più noti, ma solo i nomi delle piccole località. Quindi, da Mala, per percorrere questa deviazione, è necessario prendere per località Agnoletti e risalire fino a Rementil.