TrueRiders

Viaggio in moto: gli itinerari della primavera

shutterstock 627740138 740x474 - Viaggio in moto: gli itinerari della primavera

Primavera, tempo di tirare fuori le moto dal garage e partire! Con il miglioramento delle condizioni atmosferiche, sei pronto a cimentarti nel viaggio in moto con l’itinerario che ti soddisfa di più? 

Noi di TrueRiders abbiamo voluto consigliarti possibili itinerari da fare in moto in primavera, magari insieme alla giusta compagnia, alla scoperta del mondo visto sulle due ruote.

 

Irlanda in moto


shutterstock 431693263 768x511 - Viaggio in moto: gli itinerari della primavera

L’Irlanda è un destinazione turistica tra le più in voga negli ultimi anni e tra le mete più frequentate dai turisti sulle due ruote proprio perché permette un contatto profondo con le persone e i luoghi ad alto impatto naturale.

Oltre a visitare la capitale Dublino, soffermandosi nei pub più caratteristici della città e degustando una Guinness, percorrendo poche centinaia di km si può raggiungere Galway, città che mantiene ancora quel paesaggio pittoresco tipico della zona e visitare in sella alla tua moto la vicina contea di Clare, dove potrai incontrare il Poulnabrone Dolmen, preesistenza preistorica in una zona altamente suggestiva.

In moto potrai permetterti di circumnavigare tutta l’isola, raggiungendo la zona sud, dal territorio altamente frastagliato, molto caratteristico e gradevole da percorrere in moto.

 

Salento on the road

borghi dellolio shutterstock 581518714 768x512 - Viaggio in moto: gli itinerari della primavera
I borghi dell’olio – Lecce e il Salento (Melendugno)

La Puglia è un’isola calda e ancora molto naturale nel suo sviluppo turistico; la moto permette di visitarla nei suoi piccoli e caratteristici particolari, rispettando i propri tempi di percorrenza e soffermandosi anche per fare una passeggiata in riva al mare.

Le tappe maggiormente interessanti, non solo in qualità di destinazioni turistiche ma anche per entrare in contatto con la popolazione locale e conoscerne gli aspetti culinari, sono Gallipoli, Lecce e Otranto, città magnogreche, visitabili sia a piedi che in sella e collegate da strade che lasciano il tempo per osservare il paesaggio, a volte brullo, con distese di ulivi rigogliosi,  piuttosto che spiagge dalle coste frastagliate e limpide.

 

Polonia su due ruote

shutterstock 518870644 768x512 - Viaggio in moto: gli itinerari della primavera
Tatra Mountains, Polonia

La Polonia in quest’ultimi dieci anni è diventata fra le destinazioni turistiche più importanti e frequentate in Europa, e soprattutto da noi italiani. Questo territorio offre paesaggi quasi incontaminati, costi molto bassi, una nuova conoscenza della cucina nordeuropea, soprattutto per coloro che amano la carne di buona qualità.

Obbligo di visita delle tre città più importanti: Cracovia, città sulle sponde del fiume Vistola, dalla storia locale molto forte, e fornita di ottimi locali in cui degustare birre e specialità locali, Varsavia, città moderna, nata dalle viscere della Seconda Guerra Mondiale, piena di spazi innovativi e degni di attenzione e Danzica, la più lontana dall’Italia, ma degna di essere vista per il paesaggio suggestivo e per l’offerta culturale molto radicata, con la presenza di numerosi musei e festival durante tutto l’anno.

Tra una città e l’altra potrai soffermarti per i paesini che troverai di passaggio, forniti anche di campeggi di ultima generazione dopo poter fermarti in tranquillità.

 

Le Langhe in sella

shutterstock 327540686 768x512 - Viaggio in moto: gli itinerari della primavera
Langhe, Piemonte

Torniamo in Italia, e precisamente in Piemonte, alla scoperta di un territorio noto per la sua eccellente offerta in ambito vinicolo, tra i percorsi in moto più interessanti da fare e molto più vicini a noi.

La specialità della zona è proprio la spettacolarità del territorio che lo rende unico e degno di essere percorso sulle due ruote. Oltre ai vigneti, ci si può imbattere in noccioleti e boschi, e scoprire che questa è la zona dove vengono prodotte delle primizie della nostra cultura, come il vino Barolo e la Nutella.

Inoltre, è possibile imbattersi in molti locali di ristorazione dove si può assaggiare il tartufo di Alba, un gioiello del territorio piemontese, protagonista ogni anno, fra ottobre e novembre, del festival, momento che raccoglie migliaia di persone e curiosi dall’Italia e dall’Europa.