Campaegli e Cervara di Roma, la pace alle porte della capitale


Roma, centro nevralgico dove scorre da millenni senza sosta tutta la bellezza storica del Lazio, a volte accentra su di sé tutta l’attenzione di coloro che sono alla ricerca di un’avventura, un’esperienza. Il bianco marmo della capitale, così sfavillante, mette in ombra il fantastico panorama naturalistico che i suoi antichi abitanti tanto amavano. In quello che Teocrito avrebbe definito un idillio, un gioioso quadretto rurale, il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini accoglie boschi e piccoli borghi, come Cervara di Roma o Campaegli, pronti ad ospitare gli stanchi viandanti e regalargli una pausa rigenerante. Se curva dopo curva volete man mano addentrarvi in quelle che erano le capitali dellotium, il riposo, di poeti e grandi artisti latini, allora questo è il viaggio che fa per voi.

Campaegli e Cervara, l’itinerario in moto

L’itinerario in moto verso Campaegli e Cervara, nell’entroterra laziale, può essere battuto tendenzialmente tutto l’anno, a seconda di passioni e esigenze. Dal momento che, una volta partiti da Fiuggi, tutte le tappe più rilevanti saranno all’interno del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, quindi ad un’altitudine non esagerata, ma che comunque predispone basse temperature e neve nei mesi più freddi, bisogna scegliere con cura il paesaggio che ci si vuole ritrovare davanti, e decidere di conseguenza il periodo in cui partire.

Mappa

Dettagli

  • Partenza: Fiuggi
  • Arrivo: Campaegli
  • Lunghezza: 73,8 km
  • Durata: 1h e 58 min
  • Tappe: Cascate di Trevi nel Lazio, Jenne, Livata, Cervara di Roma, Campaegli

Itinerario

Siamo a Fiuggi, uno dei borghi più interessanti e caratteristici del frusinate, e dopo una passeggiata nel centro storico medioevale, un assaggio della miracolosa acqua benefica del posto, e qualche bagno termale, siamo pronti a partire. Una volta inoltrata la SP147 per Grotte di Collepardo, pochi km ci separano dalla prima tappa: le cascate di Trevi nel Lazio. Una nuotata, una merenda e ci si rimette in sella, direzione SP193, verso Jenne, il curioso borgo che ospiterà la nostra seconda breve pausa. La strada provinciale 36c prima, ed il Viale delle Praterie saranno gli ultimi kilomtri che precederanno Livata, e offriranno un panorama alla guida veramente notevole. Dopo aver preso un caffè anche nella piccola cittadina collinare di Livata siamo pronti a ripartire: una curva dopo l’altra saremo a Cervara di Roma, grazie alla storica via San Rocco. I 7 km circa di Via della Volpe Rossa saranno l’ultimo sprint fino a Campaegli, affascinante borgo storico e capolinea del nostro viaggio.

Un viaggio nel verde entroterra laziale

I sconfinati prati che separano la capitale dalle montagne appenniniche, stanziano immobili da migliaia di anni come un mare di pace mai turbolento. Gli avventurosi motociclisti che decidono di solcarli si troveranno davanti un’esperienza semplice, godibile e rilassata, che spiega perché i nostri antenati e fondatori tenessero così gelosamente al loro riposo.

Cascata di Trevi nel Lazio

Può essere definita una delle meraviglie dei Simbruini, un angolo di paradiso naturale che si apre agli occhi del visitatore la cascata di Trevi. Una tappa obbligata, raggiungibile in pochi minuti, per chi ama la natura, la storia e l’archeologia. Seconda cascatella sull’Aniene dopo quella di ponte delle Tartare, in località Comunacque (zona più bassa del territorio trebano) c’è la cascata di Trevi, luogo dove la bellezza della natura, la storia, il misticismo, formano un connubio molto forte.

Jenne

Ai margini del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini troviamo il piccolo ma grazioso borgo di Jenne. Un paesino che si mostra compatto e ben arroccato su uno sperone roccioso proteso verso la Valle dell’Aniene. Le sue origini sono antiche e dobbiamo dire che è, a torto, tra i paesi meno conosciuti dei Monti Simbruini. In realtà custodisce interessanti testimonianze del suo passato e inoltre ha il vantaggio di trovarsi in una delle aree più belle e protette del Lazio.

Livata

Conosciuta come la montagna della Capitale, Livata ospita uno degli impianti sciistici più importanti della regione, ma non solo. Ci sono percorsi escursionistici, aree picnic attrezzate, panorami incantevoli in ogni stagione, animali al pascolo che potete vedere da vicino (ma non troppo vicino per non disturbarli). Caratteristica è la bellissima faggeta, tra le più grandi al mondo.

Cervara di Roma

Cervara di Roma è uno dei gioielli del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, scenografico borgo laziale famoso per la sua “Montagna scolpita dagli Artisti“, una sorta di museo a cielo aperto interamente inciso nella roccia. Con un’altitudine di 1053 m s.l.m. Cervara di Roma è il borgo più alto della città metropolitana di Roma e il secondo del Lazio, dopo Filettino. La suggestiva bellezza dei paesaggi naturalistici si fonde perfettamente con il suo patrimonio artistico, ereditato dalla presenza di numerosi artisti di fama internazionale che nell’ottocento scelsero questo paese come fonte d’ispirazione.

Campaegli

Campaegli fa parte del Comune di Cervara di Roma e contribuisce ad arricchire il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, grande 30.000 ettari, tra Lazio e Abruzzo, in mezzo a valli, fiumi e borghi. La zona è meno battuta rispetto ad altre forse perchè meno nota e questo fa sì che si possa raggiungere una quiete quanto mai preziosa. La natura la fa da padrone e gli abitanti del posto ci si sono abituati, vivendo la montagna proprio da ospiti di un grand hotel.

Scopri anche

Video Itinerari


CAMPAEGLI - CERVARA DI ROMA

  • Lunghezza (km): 73
  • Durata: 2 ore
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Campaegli
  • Arrivo: Fiuggi
  • Principali località attraversate: Cervara di Roma, Livata, Jenne, Cascata di Trevi nel Lazio