Monti Ruffi, in moto tra i borghi del Lazio


Vedendola così, Roma, sembrerebbe che tutto il mondo intorno a lei sia una pianeggiante distesa armonica di monumenti, chiese e palazzi, inframmezzati da giardini e basse colline. Eppure, usciti dalla cerchia del Raccordo Anulare, c’è una pletora di meraviglie naturali che si apre davanti agli occhi. Un po’ come i Monti Ruffi, una breve catena montuosa che “anticipa” gli Appennini e che corrisponde, grosso modo, allo spazio che va da Tivoli a Fiuggi, tra Roma Est e Roma Sud. Un territorio poco conosciuto, di piccoli borghi, ciascuno con una caratteristica particolare, perfetti da raggiungere in modo grazie a strade non eccessivamente impegnative ma di grande pregio paesaggistico.

E ovviamente, non potevamo farcele scappare. Partiamo?

Monti Ruffi in moto. L’itinerario

Mappa

Percorso

Quello dei Monti Ruffi è un percorso tra due autostrade, la A1 e la A24. Ecco perché sarà piuttosto facile arrivare in zona, ma anche concedersi una full immersion di strade di montagna, immerse nel verde. Partiamo da Piglio, bellissima località del Frusinate celebre per l’ottimo vino, e subito prendiamo la SR155/SP54 in direzione Serrone, dove arriviamo dopo appena 6 chilometri. Visita al borgo, e si prosegue per Bellegra, entrando in provincia di Roma. Da seguire la SP198 per 2 km verso San Quirico, poi la SP110a (possibile una deviazione alle Grotte dell’Arco). Il tratto più “impervio”, e allo stesso tempo magnifico, sono i 20 km per Rocca Canterano, passando per Rocca Santo Stefano (SP63a, SP27c, SP48a). Altro giro, altro borgo e il percorso si fa via via più facile seguendo la SP411 (22 km) in direzione di Anticoli Corrado.

5 borghi da vedere sui Monti Ruffi (e nei dintorni)

Piglio

Un borgo dal… Piglio decisamente interessante! Tra Fiuggi e gli Altopiani di Arcinazzo, questo bel centro storico dove si gusta un’ottima cucina locale – un po’ romana, un po’ ciociara – è dominato dai resti dell’antica Rocca fortificata, mentre il borgo ha una originale forma “a fuso”, testimonianza di un progressivo ampliamento intorno al perimetro del Castello.

Bellegra

A più di 800 metri d’altitudine, la piacevole località di Bellegra è circondata ai quattro lati dalle montagne: non solo i Monti Ruffi protagonisti di questo itinerari, ma anche i Prenestini e i Lucretili, oltre alla presenza del ben noto fiume Sacco. Il borgo fu benedetto, nel 1223, dalla visita di San Francesco d’Assisi, il cui Convento è ancora oggi visitabile. Le vicine Grotte dell’Arco sono un prestigioso sito naturale, unico nel suo genere nella Campagna romana, ampie ben 34 ettari e con una lunghezza prossima al chilometro.

Rocca Santo Stefano

Piccolo paese di neanche mille abitanti, Rocca Santo Stefano è una delle tante tappe di questo breve ma intenso itinerario sui Monti Ruffi. Passeggiando per i vicoli si ammirano paesaggi d’incanto, soprattutto al tramonto, quando il sole rossastro illumina le vecchie case in pietra.

Rocca Canterano

Un suggestivo borgo arroccato su un pendio roccioso, dominato dai resti di un antico castello ormai quasi completamente distrutto, con una bellissima chiesa affrescata e dei panorami che lasciano senza parole. Rocca Canterano è il gioiello dei Monti Ruffi, una località dove la sosta non è consigliata, è obbligatoria.

Anticoli Corrado

Ricco di chiese e di elementi antichi, Anticoli Corrado è anche un borgo moderno. Sì, perché ospita il Civico museo di arte moderna, una importante – e quantomai curiosa vista la collocazione – collezione di opere di rinomati artisti internazionali, dall’austriaco Kokoschka fino a Giulio Aristide Sartorio, il cui Fregio domina l’aula della Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio.

Video Itinerari


MONTI RUFFI

  • Lunghezza (km): 59
  • Durata: 1 ora e mezza
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Piglio
  • Arrivo: Anticoli Corrado
  • Principali località attraversate: Serrone, Bellegra, Rocca Canterano