Sella di Corno, al confine tra Abruzzo e Lazio

Sella di Corno




Il valico appenninico Sella di Corno sorge non distante dall’omonima frazione nel comune di Scoppito in provincia dell’Aquila, l’ultimo comune della regione al confine con il Lazio. A 1005 metri di altitudine, solamente 20 chilometri lungo l’antica Via Salaria nei pressi di Antrodoco dividono la cittadina dal Sella di Corno.

Il valico è infatti da sempre un passaggio obbligato per attraversare l’Appennino, tra il gruppo montuoso del Monte Calvo e il Monte Nuria. Il percorso alla scoperta del Sella di Corno in moto è una gita di mezz’oretta che attraversa il confine tra Abruzzo e Lazio, ripercorrendo gli antichi snodi viari di epoca romana. 

Sella di Corno l’itinerario in moto

Mappa

Itinerario

Partiamo da Scoppito e prendiamo la Strada Statale 17 che subito ci immerge nel verde. In 13 minuti questo tracciato lineare e asfaltato ci conduce alla Sella di Corno, a 1005 metri di altitudine. Scesi dalla moto e ammirato il paesaggio appenninico, procediamo in direzione Ovest verso Via Monte Calvo. Svoltiamo a destra e prendiamo di nuovo la Strada Statale 17 e giriamo nuovamente a destra. In soli quattro minuti eccoci al Monte Calvo, in territorio laziale e all’interno del Parco Naturale dei Monti Simbruini. Scendiamo dalla moto e guardiamoci intorno.

L’Appennino laziale regala panorami incantati che arrivano ai Monti Prenestini. Dai 1500 metri d’altitudine saliamo in sella e dopo 800 metri svoltiamo a destra per rimanere sulla SS 17. In meno di un quarto d’ora eccoci ad Antrodoco

Cosa sapere sulla Sella di Corno

Prima ancora dei Romani, l’altopiano era abitato dai Sabini che giunsero fino alla  valle meridionale del Tevere. Intorno al 268 a.C., quando il popolo ottenne la cittadinanza romana, in questi luoghi venne costruito il tracciato della Via Salaria che tuttora collega Roma alla costa di Ascoli Piceno. Proprio a partire da questa via, nei pressi di Antrodoco, venne successivamente realizzata la Via Cecilia che oggi costituisce un tratto di SS 17. Il legame con l’Urbe nella fisionomia viaria del territorio è testimoniata dalla pietra miliare nel centro di Sella di Corno che indica la distanza dalla città eterna in miglia romane: LXXII (cioè 72, o meglio 106 chilometri). Il toponimo deriva dalla curiosa altura che svetta dalla valle e lungo la quale nei secoli venne eretta una fortificazione in difesa del centro abitato che progressivamente andò ampliandosi. 

Il paesaggio meraviglioso della Sella di Corno può essere ammirato anche in sella a biciclette, mountain bike o semplicemente facendo trekking. La stessa Via Salaria costituisce un tracciato di riferimento per gli appassionati di passeggiate escursionistiche. 

Dove mangiare vicino Sella di Corno

Il Borgo Santa Marinella dista 9 chilometri dalla Sella di Corno e sorge tra grilli e campagna abruzzese. Qui un’ottimo rapporto qualità prezzo vi porterà alla scoperta dei sapori più tradizionali d’Abruzzo. Tra focacce, crostini e antipasti di terra, fanno un’ottima figura le pappardelle al ragù di cinghiale. 

Il Vecchio Mulino sorge invece a 10 chilometri dal valico Sella di Corno. Un ambiente informale e accogliente è solamente il preludio ad un pasto davvero godereccio. Formaggi, affettati, fritti vari, bruschette, ottima carne e dolci fatti in casa… faranno il resto!

La pecora nera è un po’ più distante dal Sella di Corno, ma vale la pena percorrere 15 chilometri per assaporare ottimi arrosticini. Cucina semplice e genuina, qui potrete immergervi nei sapori tradizionali d’Abruzzo.

Scopri anche:  

Video Itinerari


SELLA DI CORNO

  • Lunghezza (km): 27
  • Durata: 1 ora
  • Altezza massina (m s.l.m.): 1005
  • Pendenza massima (%): 7
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Scoppito
  • Arrivo: Antrodoco
  • Principali località attraversate: Sella di Corno, Monte Calvo