Via Salaria, i borghi medievali dell’Alto Lazio in moto

nerola




Un territorio ricco di natura e di storia, ma soprattutto di strade come la Via Salaria, un tracciato da vivere su due ruote. Questa è la terra dove avvenne il Ratto delle Sabine e il luogo del cammino di San Francesco. La Sabina è un territorio ricco di bellezze spesso rimaste nascoste, tutte da scoprire semplicemente percorrendo la Via Salaria, nota come la via del sale che collegava Roma e la costa adriatica.

Noi di TrueRiders, procacciatori di avventure, vi guidiamo alla scoperta di un piccolo lembo di questo territorio.

I Borghi della Via Salaria in moto. L’itinerario

Mappa

Un percorso molto lineare che segue per quasi la sua totalità la SS4 Via Salaria. Si parte da Nerola, deviando subito per Colle San Pietro. Da qui, la SS4 in alcune decine di chilometri ci porta in direzione Collelungo.

Deviamo però verso Monteleone Sabino, per uno dei borghi della Salaria da scoprire. Riprendiamo poi la Statale 4 e torniamo a Collelungo, penultima tappa lungo la strada che ci porta a Montenero Sabino.

Borghi della Via Salaria da visitare

Nerola

nerola

Partiamo da Nerola, un borgo medievale a circa 453 metri s.l.m. nelle vicinanze dei Monti Lucretili. Arrivare a Nerola sarà divertimento puro, percorrendo la via Salaria, tra curve e natura.

Il borgo medievale di Nerola offre l’opportunità di scoprire anche dei piccoli gioielli, come il castello appartenuto alla famiglia Orsini in pieno stile romanico medievale che sovrasta e domina la vallata circostante.

Monteleone Sabino

monteleone sabino

Ritornando sulla via Salaria direzione Rieti a circa 25 chilometri da Nerola, si arriva a Monteleone Sabino, eccellenza architettonica del territorio. Oltre l’opportunità di fermarsi e concedersi una pausa, è doverosa la visita del borgo.

Per i più temerari e appassionati conoscitori dei territori e della loro cultura si consiglia la visita al decentrato Santuario di Santa Vittoria, una delle più belle chiese in stile romanico presenti in centro Italia, e del vicino anfiteatro d’epoca romana.

Collelungo Sabino

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Maurizio Pettinari (@maurizio.pettinari.architetto)

Tornando nuovamente sulla via Salaria e percorrendo la SR314 Licinese, dopo cinque chilometri ecco arrivati a Collelungo Sabino, piccolo borgo medievale che sorge su una roccaforte, posizione che la rende ricca di atmosfere particolarmente suggestive.

La visita del borgo deve essere fatta rigorosamente a piedi, perdendosi fra gli stretti vicoli, ricchi di fiori colorati, assaggiando la specialità culinaria del posto, ovvero il raviolo dolce, concedendosi una passeggiata grazie alla quale sarà possibile scorgere un panorama mozzafiato che domina le vallate circostanti.

Montenero Sabino

Montenero Sabino

Dista pochissimi chilometri da Collelungo Sabino e Casaprota. Il suo nome con molta probabilità nacque proprio per la presenza di una montagna che sovrasta un piccolo borgo abitato da poche centinaia di persone.

Montenero Sabino è un piccolo gioiello che ti immerge fin da subito nella sua piccola e accogliente piazzetta principale e dalla quale è possibile scorgere un castello in stile medievale, tutto da visitare, senza dimenticare di assaggiare i maccheroni a fezze, piatti tipico del luogo ricco di maggiorana e aglio.

Avatar per TrueRiders

Video Itinerari


VIA SALARIA

  • Lunghezza (km): 40
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Nerola
  • Arrivo: Montenero Sabino
  • Principali località attraversate: Monteleone Sabino, Collelungo