Moto d'epoca: scopri su quali modelli investire

Moto d’epoca: scopri su quali modelli investire

Giordano Di Fazio  | 21 Dic 2022  | Tempo di lettura: 4 minuti
Moto d'epoca in esposizione

Il vintage è ormai di nuovo in voga:  marchi di alta moda, case produttrici di tendenza e un’evoluzione dell’estetica ancora in divenire, stanno riportando per le strade reminiscenze dell’iconico stile dei primi anni ’90. Questo discorso si è allargato, non più solo jeans Levi’s o camicie Polo Ralph Lauren, anche modelli iconici di moto si stanno aprendo sempre più spazio tra gli appassionati.
Se per caso aveste un gruzzoletto da parte, foste dei motociclisti nostalgici, e non disdegnaste nemmeno l’idea di fruttarci qualche soldo in futuro, allora noi di TrueRiders oggi ci mascheriamo da quei guru economici del web, e oltre a farvi scendere una lacrimuccia che ricorda tanto i bei tempi andati, vi permetteremo di fare un buon investimento selezionando per voi 5 moto d’epoca che saliranno di valore.

Quando una moto acquista valore?

Dipende. Andiamo con ordine: intanto bisogna circuire la categoria di moto che ci interessa, che in questo caso specifico è quella delle 125/250 due tempi di inizio o metà anni ’90. Il mercato di riferimento non è più quello dell’usato, ma una sorta di mercato parallelo riservato a collezionisti e appassionati, dove le moto sono vero e proprio oggetto di investimento e motivo di guadagno. L’ambiente del collezionismo è riservato e di nicchia, servono i giusti agganci per mettere le mani su un pezzo di valore, ma non è impossibile.
Il criterio principale su cui ci si basa per stabilire il valore di una motocicletta è ovviamente quello dello stato di conservazione, che schizza alle stelle quando una due ruote non è ristrutturata ma conserva in buono stato la configurazione originale. Ogni modifica di sorta potrebbe far scendere l’appetibilità sul mercato, a meno che tali modifiche non possano essere sostituite per ripristinare i pezzi di fabbrica. Ma veniamo al dunque: quali moto possono essere considerate un buon investimento?

CBR 900RR Fireblade – 1992/1994

Lanciata sul mercato dal nipponico visionario Tadao Baba, la CBR 900 era destinata a rivoluzionare il mondo della moto già a a partire dal suo nome: fireblade, Lama di fuoco. Agile come una 750 ma con un motore da 893cc, è stata uno spartiacque tra le mille dell’epoca (grandi, potenti e ingombranti) e quelle moderne.
La miglior moto dell’epoca per rapporto peso potenza, nelle sue sgargianti colorazioni da racing stradale e il suo design da vera hypersport anni ’90, è tutt’oggi un pezzo da collezione veramente bello da guidare. Già dall’anno scorso il prezzo del modello è salito da 4000 a circa 8000 euro (in buono stato) e prevediamo salirà ancora.

Ducati 748 – 1994/2002

Come poteva mancare nella nostra lista la rossa di Borgo Panigale? Impossibile. La Ducati negli anni ci ha fornito modelli di moto che hanno fatto la storia e hanno scavato un solco profondo nella cultura popolare del bel paese.
La 748 è un modello molto ricercato e i pezzi oggi sul mercato sono spesso ben tenuti e conservati, quindi molto richieste sul mercato e di conseguenza sempre minori in numero. Le versioni base biposto fortunatamente hanno ancora un prezzo accessibile, quindi non perdete tempo!

Kawasaki Zx-7R/RR – 1996/2003

Una rarità. La scarsa diffusione sul nostro mercato aumenta a dismisura l’esclusività di questo iconico modello della casa del Sol Levante. La Zx-7R è una moto dall’aspetto imponente e non proprio futuristico, una vera e propria superbike degli anni ’90, stampata nella mente degli appassionati grazie alle gesta del suo leggendario pilota Akira Yanagawa e al tonante rombo del suo 4 cilindri in linea.
La sua unicità insieme al fascino da icona del motorsport hanno accresciuto di non poco la desiderabilità tra gli appassionati, e di conseguenza il suo valore.

Ducati Monster prima serie – 1993/2001

Si, un’altra Ducati, come sarebbe possibile lasciare fuori da questa lista una moto che ha fatto dell’iconicità la sua caratteristica principale? Il destino della Monster sembrava segnato fin dall’inizio. Un progetto semplice e puro che si lascia guidare senza troppe pretese, in grado di rendersi divertente e accessibile a tutti. Forse proprio a questo si deve la sua larga diffusione nei primi anni ’90, ed ancora oggi è stabile nel mercato dei collezionisti.
I modelli che stanno accrescendo il loro valore sono di cilindrata 600cc e 750cc, insieme alla più famosa M900, specialmente nella versione rosso/oro: un vero pezzo di qualità per la vostra esposizione personale.

Aprilia Rsv mille – 1998/2004

Chi ricorda, sa. L’Aprilia Rsv mille non è una moto comune. E gli appassionati lo sanno bene, il dislivello di domanda e offerta ha infatti spinto alcuni pezzi della categoria fino ad un prezzo record di 10000€! (si, avete letto bene).
Lo storico terzo posto al mondiale 2000 conquistato da Troy Corser, un motore tutto nuovo ed una tecnologia all’avanguardia per l’epoca hanno contribuito a elevare questa moto nella leggenda, ben visibile alle coscienze di tutti i motociclisti che muovevano i primi passi (o i primi km) in questo mondo affascinante e avventuroso.

Giordano Di Fazio
Giordano Di Fazio

Laureato in scienze politiche e relazioni internazionali, attualmente studente universitario alla Sapienza. Inizio a scrivere per gioco, poi per passione ed ora (quasi) per professione. Collaboro con TrueRiders dal 2022



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur