Assicurazione moto: consigli, prezzi e comparatori

Assicurazione moto

La RC Moto è l’assicurazione obbligatoria per tutti i veicoli a due ruote che siano in circolazione sul territorio italiano, il cui compito è quello di risarcire i danni causati a soggetti terzi da eventuali incidenti provocati dal motociclo assicurato.

Le diverse compagnie assicurative che stipulano polizze di Responsabilità Civile Moto, si impegnano a coprire i danni entro un determinato massimale, il cui importo è prestabilito ed è riportato nel contratto assicurativo. Come per la RC Auto, è possibile accedere a bonus e classi di merito, in funzione della sinistrosità del contraente.

Le assicurazioni per Responsabilità Civile Moto: cosa sono e come funzionano

La copertura assicurativa per Responsabilità Civile Motocicli, come anticipato, è obbligatoria per tutti i motocicli, a condizione che siano circolanti su suolo italiano. Tale formula assicurativa garantisce il rimborso di eventuali danni generati accidentalmente a terzi da parte del mezzo assicurato, qualora si verifichi un sinistro stradale.

In quest’ultimo caso, l’assicurazione del soggetto che ha causato l’incidente, si obbliga a coprire l’entità del danno entro un tetto massimo, definito appunto massimale, che viene scelto all’atto della stipula della polizza. Generalmente il massimale, insieme all’eventuale franchigia (limite minimo al di sotto del quale l’assicurazione non interviene a copertura dei danni), è funzione del premio annuo pagato dal contraente.

Sebbene le condizioni varino da compagnia a compagnia, la garanzia RC Moto è solitamente contraddistinta dal sistema definito Bonus – Malus: quando si procede alla stipula di un contratto di assicurazione per il proprio motociclo, il premio da pagare è determinato da fattori diversi, come l’età del contraente o la località di residenza, ed è inoltre correlato alla “classe di merito” che viene assegnata ad ogni contraente.

Con la classe di merito si definisce la tendenza dell’assicurato ad avere incidenti, e può andare da un valore minimo pari ad 1 (per i più virtuosi e prudenti) al massimo di 18, per coloro che, purtroppo per loro, hanno cagionato numerosi sinistri. Per consuetudine, ai contraenti che procedono per la prima volta all’assicurazione di un veicolo di proprietà, viene assegnata la classe 14.

Dopo ogni anno, in virtù del meccanismo del Bonus/Malus, il valore della classe di merito varia: chi non ha causato sinistri è promosso alla classe immediatamente precedente, ottenendo un Bonus in termini di sconto sul premio da pagare per l’anno successivo; chi invece è stato causa di incidenti, perde ben due classi di merito (il cosiddetto Malus).

Alcune compagnie offrono particolari condizioni, ai propri assicurati, che riducono il rischio di perdere classi di merito, come la “derubricazione” del sinistro o una garanzia accessoria appositamente inclusa nella polizza.

La sospensione della polizza – Per chi utilizza la moto solo d’estate

Molte compagnie assicurative consentono, a chi utilizza il motociclo solo in determinati mesi dell’anno, di sospendere la copertura assicurativa. In questo modo, a partire dalla data di sospensione, preventivamente comunicata secondo le modalità previste dalla compagnia, il veicolo non potrà più circolare.

Contestualmente alla sospensione della polizza, la data di scadenza della copertura subisce uno slittamento, generalmente di durata pari alla sospensione stessa. Qualora la sospensione sia di durata inferiore ai 30 giorni, alcune compagnie assicurative ritengono di non modificare la data di scadenza della polizza.

Appare evidente che tutte la diverse condizioni contrattuali, come la personalizzazione della polizza e l’inserimento di garanzie accessorie, debbano essere attentamente valutate, prima di sottoscrivere il contratto.

La Responsabilità Civile Motociclo – costi medi e comparazione online

Il costo di una polizza assicurativa RC Moto è determinato dall’analisi di una lunga lista di elementi: l’età anagrafica del contraente è solo uno di questi, a cui si associano la regione di residenza, la sinistrosità determinata in base alla storia assicurativa personale, ma anche le caratteristiche proprie del motociclo assicurato.

Tenuto debitamente conto anche delle variabili interne alla polizza, vale a dire franchigia, massimale, tipologia di copertura e garanzie accessorie, si comprende bene quanta differenza può esistere tra due prodotti assicurativi apparentemente simili.

Chi ha la necessità di stipulare una nuova polizza, o vuole semplicemente erudirsi su quelle che sono le condizioni del mercato assicurativo italiano, per giungere preparato e consapevole all’acquisto del prodotto che meglio risponde alle proprie esigenze, può fare ricorso ai comparatori online che, in pochi semplici passi, offrono una panoramica ampia ed esaustiva sull’argomento.

Dall’Osservatorio RC Moto di Assicurazioni.it, ad esempio, è possibile estrapolare i dati relativi ai costi medi delle assicurazioni per la responsabilità civile per ogni regione italiana, con il trend dell’ultimo anno e le differenze rispetto ai valori medi nazionali.

Spulciando tra i dati si scopre che, a titolo di esempio, assicurare il motociclo a Napoli, nel giugno 2019, è costato in media 1.035 euro, importo in continua decrescita se si vanno a guardare le cifre relative ai mesi precedenti (nel giugno del 2018 occorrevano, per lo stesso prodotto, 1.217 euro).

L’importo odierno, però, confrontato a quello medio nazionale, pari a circa 450 euro, presenta una differenza in aumento di oltre il 130%. Il riequilibrio che conduce al costo medio nazionale va ricercato in regioni come il Friuli Venezia Giulia e la Valle d’Aosta, dove la RC Moto, sempre nel giugno 2019, costava rispettivamente 293 e 268 euro circa.

Una volta appresi i costi medi dipendenti dalla zona di residenza, la strategia migliore per giungere ad una scelta ponderata è quella di utilizzare i comparatori che permettono di mettere a confronto i prodotti e le offerte delle diverse compagnie assicurative. Compilando i campi all’interno di una semplice tabella che si trova agevolmente nel web, compare l’elenco delle compagnie assicurative con i costi praticati da ognuna di esse per prodotti pressoché analoghi.

TrueRiders