TrueRiders

MotoGP, Gran Premio di Germania: lezione di Marquez sulla pioggia

germania.motogp

Non sono mancate le emozioni al Sachsenring nella gara appena conclusa della MotoGP: la strategia premia Marc Marquez

Tre settimane dopo la pioggia di Assen, un altra gara bagnata nel Motomondiale 2016. Il Gp di Germania infatti è stato condizionato dalla pista bagnata ma si conclude almeno per quanto riguarda la classe regina con un solo pilota felice del risultato: Marc Marquez infatti ha vinto la gara in MotoGP e allungato sugli avversari in classifica grazie a una strategia impeccabile. Decisivo infatti per lo spagnolo il cambio di moto al 18mo giro che ha permesso una rimonta insperata sui piloti che invece hanno tardato la sostituzione, tra i quali Rossi, Dovizioso, Barbera e Crutchclow sin lì gruppo al comando della gara. Marquez alla fine ha vinto davanti a Reddick, terzo lo stesso Crutchclow davanti alle Ducati di Dovizioso e Iannone mentre lei grandi sconfitti sono le Yamaha con Valentino Rossi, solamente ottavo al traguardo, e Jorge Lorenzo addirittura quindicesimo. Come in Olanda il Dottore ha avuto la possibilità di vincere la gara, ma ha tardato troppo il cambio della moto subendo la rimonta di Marquez senza trovare il ritmo avuto in precedenza. La classifica ora vede il centauro della Honda andare in vacanza con  un margine più che rassicurante sui rivali: Marquez infatti guida con 170 punti, a +37 su Lorenzo mentre Rossi è terzo con un distacco già molto pesante.

La una gara delle Moto2 invece è stata condizionata da una serie infinite di cadute alla fine fa festa Johann Zarco: il francese del Team Ajo ha battuto in volata il tedesco Folger e lo spagnolo Simon. I colori italiani sono stati difesi da Mattia Pasini, quarto al traguardo, mentre grande è stata la delusione per Franco Morbidelli scivolato nel corso del 23mo giro mentre si trovava al comando del GP di Germania. L’altro caduto eccellente è Alex Rins protagonista di un lungo duello con lo stesso Morbidelli: lo zero in classifica per lo spagnolo permette al vincitore Zarco di allungare decisamente in classifica Moto2. Ora il francese infatti è saldamente al comando della graduatoria con 25 punti su Rins e 30 su Sam Lowes, anch’egli ritirato.

Meno colpi di scena invece nella gara della Moto3, che conferma l’abilità assoluta di Khairul Idham Pawi sul bagnato: il malese ha vinto in pratica senza rivali, nonostante partisse addirittura ventesimo sulla griglia. In appena quattro giri il centauro della Honda ha rimontato tutti centrando così la seconda vittoria stagionale dopo il successo in Argentina. Dietro, il vuoto: Pawi infatti ha inflitto distacchi abissali a Andrea Locatelli, che con la piazza d’onore conquista il primo podio della sua carriera, e all’altro azzurro Bastanini, terzo nonostante le condizioni climatiche poco gradite al pilota della Honda. Completa la giornata più che positiva per i colori italiani Fabio Di Giannantonio, quinto, e Bagnaia decimo. Prestazione grigia invece per Brad Binder solamente ottavo al traguardo, ma il sudafricano rimane saldamente al comando della classifica Moto3 con un margine di 47 punti su Navarro, giunto settimo.

Il prossimo appuntamento del Motomondiale 2016 prevede una novità: per la prima volta infatti si andrà a correre sul RedBull Ring situato nello Spielberg, e sede del GP d’Austria in programma il 14 agosto.