Le dieci strade più pericolose al mondo da fare in moto

Le dieci strade più pericolose al mondo da fare in moto

Sono in molti a coltivare il sogno di un viaggio on the road in moto che attraversa destinazioni esotiche. Tuttavia, nelle parti più remote del mondo, il rischio di trovarsi a percorrere strade pericolose è molto alto. Scopri di seguito le più temibili in assoluto.

Suggestioni e pericoli, le strade a rischio in Russia e Oceania

Lo Skippers Canyon in Nuova Zelanda è estremamente pericoloso: se si ottiene il permesso per percorrere strada tortuosa, ci sarà comunque da augurarsi di non incrociare altri mezzi in direzione opposta.

Anche in Australia, per altri motivi, la Barton Highway è una delle più rischiose per i motociclisti, in quanto ricca di curve strette e caratterizzata da una pessima manutenzione.

Infine, la Transiberiana evoca splendide immagini di viaggi senza tempo. In treno può essere un’esperienza fare, ma non può dirsi lo stesso per l’autostrada omonima, in larga parte sterrata, fangosa e ricca di buche: un vero incubo per i motociclisti.

Le strade più pericolose da fare in moto in Oriente

guoliang road
La Guoliang Tunnel Road si trova in Cina

Al centro della classifica delle dieci strade più pericolose al mondo da fare in moto si trovano senza dubbio quelle asiatiche. Dalla Taroko George Road a Taiwan, una delle strade di montagna più impervie e ricche di curve cieche, a un’altra temibile strada in quota, ossia la Halsema Highway delle Filippine, una via a costante pericolo frana.

Le altre due strade orientali a entrare in classifica si trovano sempre in quota. Una è strettissima, quella del Guoliang Tunnel in Cina, che sembra quasi rubata alla montagna, l’altra è molto accidentata ed è quella che conduce all’Himalaya: questa strada piena di buche e scoscesa è resa più complessa dall’elevato numero di autobus.

Le tre strade più pericolose in moto: Bolivia, Brasile e Alaska

James Dalton Highway
James Dalton Highway, Alaska

Sul podio delle strade più pericolose da percorrere in moto salgono tre esempi situati alle diverse estremità del continente americano. Le ragioni per cui queste strade sono considerate pericolose hanno a che fare con quel che caratterizza il Paese dove si trovano.

La meno rischiosa delle tre è la cosiddetta autostrada della morte: la BR116 in Brasile può trasformarsi in un vero e proprio incubo. Ciò si deve non solo alla scarsissima manutenzione che rende molto accidentato il percorso, bensì all’elevato tasso di criminalità che consente a bande organizzate di pianificare degli appostamenti che possono rivelarsi davvero pericolosi per i motociclisti che la percorrono.

Leggermente più pericolosa, ma per ragioni che hanno a che fare con la forza della natura, è la James Dalton Highway in Alaska. Come spesso accade, nei giorni sereni questa scenografica autostrada sembra uno scenario idilliaco. In realtà, la stretta carreggiata è cosparsa di piccole buche e, in virtù delle fortissime raffiche di vento che la interessano, può capitare di essere colpiti da piccoli pezzi di roccia.

Senza dubbio la strada più pericolosa da fare in moto è quella che viene considerata in assoluto la più rischiosa al mondo, ossia la North Yungas Road in Bolivia. Tale è il rischio che caratterizza questo luogo che la strada si è meritata il soprannome di strada della morte.

Tuttavia, viene percorsa quotidianamente da bus e persino piccoli camion che non hanno disposizione altre vie per raggiungere la valle.

TrueRiders