TrueRiders

MotoGP 2017, Aragon: in Spagna con l’incognita Rossi

MotoGP 2017, Aragon: Rossi in Spagna per stupire

Valentino Rossi cerca in Spagna l’impresa con un recupero lampo, ma la lotta per il titolo MotoGP 2017 sembra sempre più un affare a due tra Marc Marquez e Andrea Dovizioso

Il Dottore sarà in Spagna: se la notizia che ha monopolizzato i giorni precedenti il GP di Misano è stata l’assenza di Valentino Rossi, quella che sta calamitando l’attenzione, a un passo dal via del nuovo weekend di gara, è che il pilota di casa Yamaha ha scelto di affrettare i tempi e, a solo una ventina di giorni di distanza dal suo infortunio, proverà a disputare il Gran Premio di Aragon. Un rischio calcolato, quello del 46, che – in una stagione sorprendente come la MotoGP 2017 – non vuole verosimilmente rinunciare ai propri sogni iridati finché non sarà la matematica a condannarlo.

Matematica che, caso curioso, ora vuole appaiati in vetta Marc Marquez e Andrea Dovizioso, con lo spagnolo primo a tutti gli effetti, da regolamento, per i migliori piazzamenti fino a qui ottenuti. Per i due, ormai, ogni gara è quindi uno scontro diretto, dove quel che più conta è innanzitutto piazzarsi davanti all’avversario, senza fare errori ma anche senza farsi troppo prendere dai calcoli. Se infatti Rossi e Pedrosa possono ormai considerarsi quasi completamente fuori dai giochi iridati (salvo grossi colpi di scena), ancora in agguato è invece Maverick Viñales. Nonostante una prova non brillantissima sull’asfalto bagnato di Misano, il giovane talento Yamaha dista soli 16 punti dal vertice della classifica, che non è gli è quindi affatto ostile. Fondamentale però tornare sul podio e che siano molti i potenziali “disturbatori” a frapporsi tra lui e i rivali Honda e Ducati sotto la bandiera a scacchi.

Sono invece scese addirittura a 9 le lunghezze che vedono Franco Morbidelli capitanare la classifica Moto2 ai danni di Tom Luthi. A più riprese quest’anno l’italiano-brasiliano ha trasferito su pista un dominio inarrivabile per i suoi avversari, salvo vanificare con un paio di errori il gap accumulato, in particolar modo sullo svizzero, finora molto abile a sfruttare soprattutto le condizioni meteo avverse. Così, mentre in Moto3 Joan Mir sembra viaggiare senza troppe preoccupazioni verso la corona, il campionato della middle-class torna a farsi piuttosto incerto proprio a un passo dalla fine.

Una ragione in più, quindi, per non perdersi l’appuntamento MotoGP 2017 di scena domenica al Motorland Aragón: per tutti gli abbonati Sky si comincia, come al solito, alle 11 per poi vivere alle 14 in diretta la partenza della classe regina. Tutte e tre le gare saranno poi trasmesse in differita, anche in chiaro, su TV8, dove il via della MotoGP è previsto per le 18.