TrueRiders

MotoGP 2017, Misano: Rossi ko, GP di San Marino nel segno di Dovizioso

MotoGP 2017, Misano: il GP di San Marino nel segno di Dovizioso

Il campionato MotoGP 2017 ritrova a Misano Andrea Dovizioso nei panni di capoclassifica, ma perde uno dei suoi protagonisti più illustri, Valentino Rossi, infortunatosi in allenamento

Il campionato più equilibrato e aperto degli ultimi anni perde uno dei suoi protagonisti più attesi: Valentino Rossi non sarà domenica a Misano per disputare il GP di San Marino. Questo il fulmine a ciel sereno che ha letteralmente sconvolto tifosi e addetti ai lavori alla vigilia dell’appuntamento con il tracciato romagnolo, di fatto decisivo per l’assegnazione del titolo MotoGP 2017.  Fresco di operazione per la frattura scomposta a tibia e perone della gamba destra rimediata mentre era in sella a una moto da enduro, il Dottore farà di tutto per rientrare già ad Aragon, ma di fatto, per quanto la matematica ancora non lo condanni, dice addio – con lo zero in arrivo domenica – ai propri sogni iridati. Con buona pace di quanti confidavano nell’agognato decimo titolo.

La rosa di candidati quindi si restringe, ma l’Italia ha ancora di che sperare: favoriti anche la rottura della Honda di Marquez a Silverstone, Andrea Dovizioso e Ducati si presentano all’appuntamento romagnolo-sammarinese vestendo nuovamente i panni di leader della classifica. Il forlivese è, forse insieme allo sfortunato Marquez, il pilota più in forma del momento e non nasconde di puntare a un risultato importante che, oltre a consolidare la leadership “rossa”, farebbe felice il pubblico di casa. Più incerta, invece, la posizione di Maverick Viñales, sì ancora in corsa per l’iride ma reduce da un periodo di scarso feeling con la sua M1: il GP di Gran Bretagna l’ha indubbiamente rimesso in corsa e chissà che proprio l’assenza dell’ingombrante compagno di squadra non possa giovargli e rilanciarlo ulteriormente.

E se i giochi si decideranno verosimilmente a Valencia per una manciata di punti, guai a trascurare – gara dopo gara – il ruolo dei possibili outsider che, con piazzamenti di rilievo, potrebbero incidere sulla classifica finale: attenzione dunque a Cal Crutchlow, Johann Zarco e a Dani Pedrosa, tutto sommato ancora della partita iridata. Senza trascurare poi un Jorge Lorenzo in progressivo miglioramento e tutto il plotone degli italiani in pista, cui si aggiungerà per il weekend anche la wild card Michele Pirro.

Malgrado le defezioni illustri, complice anche l’ottimo potenziale tricolore nelle cilindrate inferiori (dove spiccano, su tutti, i nomi di Romano Fenati e Franco Morbidelli), i motivi per stare domenica incollati davanti alla tv fin dalle 11.00 non mancano.  Tutte le gare saranno trasmesse in diretta anche in chiaro su TV8: si parte come di consueto con la Moto3 per poi arrivare puntuali alle 14.00 con il via della classe regina. Non mancate!