TrueRiders

MotoGP 2017, Spielberg: Marquez contro tutti al GP d’Austria

MotoGP 2017: Marquez al comando anche dopo il GP d'Austria?

Dopo due vittorie consecutive, Marc Marquez è ora il pilota che fa più paura di tutti in ottica mondiale MotoGP 2017: le Yamaha e la Ducati di Dovizioso riusciranno a recuperare terreno al Red Bull Ring?

Nonostante ancora non accennino a placarsi congetture e polemiche sulla convulsa gara ceca della classe regina, il motomondiale si prepara a tornare in pista già questo weekend, nella verde cornice del Red Bull Ring di Spielberg, in Austria. Un appuntamento che si preannuncia cruciale per il proseguo del mondiale: del resto, il campionato MotoGP 2017 è apertissimo e il distacco di soli 31 punti che separa i primi 5 piloti della classifica iridata obbliga tutti i contendenti in lizza a cercare di ottenere il massimo da ogni singolo appuntamento, tenendosi alla larga da passi falsi.

Ecco perché i riflettori sono tutti puntati ora sul leader di classifica Marc Marquez, reduce sì da due vittorie consecutive, ma alle prese la prossima domenica con un tracciato che, sulla carta, sembrerebbe più favorevole agli altri marchi in lizza per l’iride che alle Honda dei due spagnoli Marquez e Pedrosa. Uno su tutti, Ducati che, lo scorso anno, mise in scena in Austria un dominio schiacciante su tutti gli avversari. Vero è che, come precisano da Borgo Panigale, a distanza di dodici mesi gli scenari sono molto cambiati, ma è impossibile non guardare ad Andrea Dovizioso come a uno dei grandi favoriti del GP d’Austria: riuscirà il forlivese a capitalizzare la grossa chance di recuperare terreno in ottica iridata?

Una mano potrebbe sicuramente dargliela la nuova aerodinamica che, al di là dei risultati non arrivati nella sfortunata gara della Repubblica Ceca, tanto sta aiutando il team-mate Jorge Lorenzo, ma difficile dirsi prima delle libere di venerdì se la Ducati è riuscita a conservare, almeno in parte, il gap che, nel 2016, la rendeva imprendibile in terra austriaca. Guai allora a sottovalutare le Yamaha del sempreverde Valentino Rossi e di Maverick Viñales, uscito forse un po’ troppo in sordina dall’ottimo terzo posto con cui è riuscito a rimediare al difficile fine settimana di Brno. E, naturalmente, guai a sottovalutare anche il meteo, che dovrebbe dar tregua durante la corsa di domenica, ma che incombe con possibili precipitazioni e temporali sui turni di prova.

Occhi puntati al cielo quindi anche nelle classi minori, i cui mondiali sembrano aver preso strade decisamente diverse dopo l’ultima prova in pista. Se Mir – salvo grossi inconvenienti – pare viaggiare spedito verso il titolo di campione del mondo della Moto3, Franco Morbidelli torna ad avvertire la pressione di Tom Luthi dopo il mezzo passo falso della scorsa domenica. E allora nulla meglio di una buona prova sul Red Bull Ring per scacciare tutti i fantasmi!

L’appuntamento per tutti gli appassionati è fissato per domenica, sul canale dedicato Sky o, in alternativa, su TV8, dove le gare di tutte le cilindrate saranno trasmesse in diretta anche in chiaro. Si comincia come di consueto alle 11 per arrivare alle 14 pronti al gran finale della MotoGP. Non mancate!