MotoGP, caduta di Marquez in Thailandia: nessun problema per la gara

Marquez. Foto Box Repsol in CC BY-SA 2.0

Il campione del mondo Marc Marquez è caduto nel corso della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Thailandia, valevole per la classe MotoGP. Il pilota spagnolo della Honda è scivolato, ma fortunatamente non ha riportato danni di rilievo e potrà regolarmente gareggiare a Buriram per la conquista del suo ottavo titolo iridato.

Una caduta preoccupante, ma senza gravi conseguenze

Il week-end del fuoriclasse iberico è dunque iniziato molto male. A metà della prima ora in pista, Marquez ha perso il controllo della propria moto ed è stato letteralmente disarcionato da quest’ultima. Primi attimi di grande paura, con il 26enne originario di Cervera che è stato assistito subito dai sanitari ed è uscito dalla zona del tracciato un po’ zoppicante.

Il pilota è stato condotto al centro medico e tenuto sotto controllo per diverse ore. Quindi, è uscito sulle proprie gambe, seppur claudicante, e ha rassicurato tutti in vista della gara di domenica. Infatti, Marc ci sarà senza alcun problema, dato che non ha riportato alcuna frattura o lesione.

Marquez pronto a correre il Gran Premio di Thailandia

Marc Marquez è stato così dichiarato idoneo dopo aver ricevuto tutte le cure del caso. Per il pluricampione iridato, è stato solo un grosso spavento, culminato con la sensazione di non riuscire a respirare raccontata proprio da lui stesso. Ulteriori accertamenti all’ospedale hanno escluso qualsiasi tipo di complicazione.

La caduta sarebbe stata causata da una gomma morbida non ancora al massimo della propria aderenza sull’asfalto. Fino a quel momento, Marquez era ampiamente in testa alle prove libere e aveva dimostrato, come sempre, tutto il suo valore. In seguito, il suo tempo è stato battuto dall’altro spagnolo Vinales e dal francese Quartararo, entrambi in sella ad una Yamaha. Dopo Marc, al terzo posto, ecco le Ducati di Dovizioso e Miller e l’altra Yamaha di Valentino Rossi.

Le dichiarazioni di Marc dopo l’incidente

Dopo i vari controlli medici, Marc Marquez ha raccontato le sue sensazioni. Ha dichiarato la sua intenzione di prendere immediatamente la moto di riserva dopo la caduta, per poi desistere. Quindi, ha preso parte alle seconde prove libere con tutta tranquillità e ha occupato la sesta piazza dietro a Quartararo, Vinales, Morbidelli, Miller e Rossi. Marc ancora non si sa spiegare i motivi della caduta. Forse potrebbe aver sbagliato nel momento della chiusura del gas, oppure la colpa era della pista sporca, o delle già citate gomme nuove. Ciò che conta è che Marquez può gettarsi alle spalle l’accaduto e avvicinarsi alle qualifiche e alla gara con la prospettiva di vincere il mondiale con quattro gran premi d’anticipo. Gli basta fare due punti in più del rivale Andrea Dovizioso per centrare un obiettivo a portata di mano.

TrueRiders