TrueRiders

MotoGP, delusione Rossi al Mugello. Lorenzo beffa Marquez

lorenzo

Gara amara per Valentino Rossi al Mugello: il Dottore partito dalla pole position è stato tradito dal motore della sua Yamaha mentre inseguiva Lorenzo protagonista poi di un grandissimo duello con Marquez.

 La grande folla gialla presente sul circuito è rimasta delusa. Il GP d’Italia al Mugello si è concluso con la vittoria al fotofinish di Jorge Lorenzo davanti a Marc Marquez, i due spagnoli hanno dato vita a un duello mozzafiato nel corso degli ultimi due giri con la Yamaha n.99 davanti la Honda per soli 19 millesimi, il sorpasso decisivo è avvenuto proprio sul traguardo. Ma la notizia del giorno è purtroppo il ritiro di Valentino Rossi, attorno al quale c’erano grandi speranze considerata la partenza dalla pole position.

Invece il centauro di Tavullia è stato costretto ad alzare bandiera bianca a 15 giri dalla conclusione proprio mentre sembrava poter sferrare l’attacco decisivo a Lorenzo che lo aveva sopravanzato subito alla partenza. La fumata bianca del motore della sua Yamaha ha gelato i suoi tifosi, giunti a flotte sul circuito del Mugello, il pubblico italiano si consola con il terzo posto della Ducati di Andrea Iannone che riesce a avere la meglio su Pedrosa e la moto gemella di Andrea Dovizioso. Ora la classifica iridata si fa dura per Rossi, con Lorenzo e Marquez che allungano: il campione del mondo in carica ha 115 punti, dieci in più di Marquez mentre il Dottore resta fermo a 78.

Davvero caotica e confusa invece la precedente gara in Moto2: il GP d’Italia infatti è stato vinto da Johann Zarco, con il campione del mondo in carica bravo a precedere in volata Lorenzo Baldassari di appena 30 millesimi. Sam Lowes completa invece il podio di una gara contrassegnata dalla sospensione dopo soli cinque giri a causa di una protezione a bordo pista danneggiata, e da un grande caos successivo nel ristabilire l’ordine di partenza da parte della direzione gara con un ingresso errato da parte di alcuni piloti prima del giro di formazione. Alla fine la gara è stata accorciata a 10 giri dei 21 previsti, Zarco ha comunque centrato la seconda vittoria stagionale che vale anche il rilancio nella classifica generale dove adesso comanda Sam Lowes.

In Moto3 invece continua il dominio di Brad Binder: il sudafricano della KTM ha ottenuto il terzo successo di fila imponendosi in una vera e propria volata sul traguardo con ben 19 piloti racchiusi in meno di tre secondi. Binder ha preceduto sul podio due italiani: il romano Fabio Di Giannantonio, che ottiene un ottimo secondo posto nonostante sia solamente alla sua 7ma gara assoluta, e Pecco Bagnaia terzo nonostante la sua Mahindra non sia una moto all’altezza delle altre case. Tra gli altri piloti italiani da segnalare la grande rimonta di Niccolò Antonelli giunto quarto dopo essere partito dalla 22ma posizione. Ora in classifica Binder è sempre più leader assoluto con il sudafricano agevolato dai ritiri dei rivali Navarro e Romano Fenati entrambi caduti. Il sudafricano ha un vantaggio di 49 punti proprio sullo spagnolo rimasto fermo a 78 punti.

Due settimane ora ci separano ora da un’altro appuntamento molto atteso del Motomondiale, con il GP della Catalogna sul circuito del Montmelò in programma nel weekend tra il 3 e il 5 giugno.