TrueRiders

Passo Sella, dal 2017 si chiude. E il progetto fa già discutere

passo-sella-chiusura-2017

Il Passo Sella, una delle mete più amate dai motociclisti, rischia di diventare off-limits per le due ruote dal 2017. Il progetto Green Days, fortemente voluto dalle amministrazioni locali e dalla Regione Veneto, sta già facendo discutere.

 

Di che si parla? Il Passo Sella, uno dei quattro componenti del Sellaronda, il mitico giro dei passi veneti e trentini, verrà chiuso al traffico veicolare dei soli motori a scoppio per dieci giorni; durante quel periodo, dunque, sarà impossibile affrontare il Sella a bordo della nostra amata due ruote, ma anche di automobili, autobus e qualsiasi mezzo inquinante, anche se risponde alle più recenti normative anti-inquinamento.

I livelli di CO2 raggiunti in zona nel corso di quest’anno, e la paura che la situazione da ciclica diventi endemica, ha spinto gli assessori Mauro Gilmozzi (Infrastrutture, provincia di Trento), Florian Mussner (Mobilità, provincia di Bolzano) e Richard Theiner (Ambiente, provincia di Bolzano), unitamente alle amministrazioni comunali di Canazei e Selva di Val Gardena a dare il via ai Green Days 2017, dieci giorni di mobilità sostenibile e sensibilizzazione ambientale.

Nel corso di questo breve periodo sarà possibile circolare sul Passo Sella solo con mezzi elettrici (dunque anche moto, purché non mosse da motori “carburati”) oppure in bicicletta, o altrimenti ricorrere agli impianti di risalita per scoprire uno dei valici più straordinari di tutto l’arco dolomitico.

Il progetto dei Green Days 2017 per il Passo Sella sarà sostenuto, indirettamente, anche dall’UNESCO, l’agenzia culturale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite che ha inserito le Dolomiti tra i Patrimoni dell’Umanità, e che vedrebbe sicuramente di buon occhio una minore influenza, ambientale e visiva, dei mezzi motorizzati in un sito dall’equilibrio naturale fortemente compromesso a causa dell’inquinamento e del riscaldamento globale.

I motociclisti, per contro, temono che la chiusura (sebbene momentanea) del Passo Sella possa fungere come preludio per la de-motorizzazione di tutto l’arco del Sellaronda (che ricordiamo comprendere anche il Passo Pordoi, il Passo C, ampolongo e il Passo Gardena), con l’impossibilità di godere in moto di alcune delle strade più belle d’Italia.

Sembra in ogni caso improbabile che venga decretata una chiusura totale e definitiva, poiché una buona parte degli introiti delle strutture arriva da turisti che si spostano proprio in moto e dunque, in attesa di aggiornamenti e delle date dei Green Days 2017, continuiamo a goderci il Passo Sella e questi luoghi straordinari senza problemi!