TrueRiders

Quale moto scegliere per viaggiare al top

partireper

Gionata Nencini, qualche giorno fa, ci ha introdotti nella sua avventura della vita, un giro del mondo in moto durato ben otto anni. Un’esperienza unica, dalla quale è nato il libro Manuale del Motoviaggiatore, un vademecum per chi ama spostarsi su due ruote.

 

Con un’esperienza di questo tipo, sicuramente Gionata è titolato – anche più di noi che scriviamo – a darci consigli e suggerimenti su come muoverci in moto, soprattutto in caso di un viaggio piuttosto importante. In questi casi, quello che importa in primis è la scelta del mezzo di trasporto, e nel suo Manuale del Motoviaggiatore, Gionata Nencini ci racconta, con una certa simpatia, quella che è la scelta della moto migliore, facendoci esempi di viaggiatori “celebri”, le cui moto sono una sorta di indicazione del tipo di viaggio… e di viaggiatore.

Partiamo da un concetto molto semplice: qualsiasi moto è adatta per viaggiare. Il giro del mondo in moto è stato realizzato su ogni tipo di motociclo, vecchio o moderno, monocilindrico o biciclindrico, e con cilindrate e ciclistiche di ogni tipo. I più grandi viaggiatori hanno spesso usato le moto più impensabili, non senza aggiungere ulteriore fascino alla loro impresa.

C’è chi, come Giorgio Bettinelli, ha percorso chilometri e chilometri di avventure in sella a una vecchia Vespa Px; chi, come Claudio Torresan, è partito dall’Italia e ha attraversato tutta l’Indocina su uno scooter cinquantino di seconda mano, stabilendo anche un curioso Guiness dei Primati; e c’è chi, come il bizzarro Sjaak Lucassen, ha scelto una moto supersportiva come la Yamaha R1 e l’ha portata sui terreni più difficili e nei posti più remoti del mondo, Africa compresa.

Quindi, la prima credenza da sfatare è che la moto che ora hai in garage non sia adatta alla tua avventura. Probabilmente si tratterà solo di prepararla ed equipaggiarla nel modo corretto e più congeniale (lo vedremo insieme nelle prossime pagine). Se invece non hai ancora la moto e dovrai sceglierla, allora puoi basare la tua decisione sulla valutazione di una serie di fattori importanti. Perché se è vero che qualsiasi moto può viaggiare per il mondo, è altrettanto vero che ciascuna moto avrà i suoi punti forti e i suoi punti deboli, e includerà caratteristiche proprie che la renderanno amata da alcuni motoviaggiatori e non da altri.

Non esiste la moto “migliore” o la moto “perfetta”, piuttosto esiste un binomio moto-pilota, e pertanto la moto dovrà essere pensata in relazione a chi la guiderà. Non sei tu che devi adattarti al tuo mezzo, ma sarà il tuo mezzo che dovrà essere scelto e accessoriato in base alla tua corporatura, alla tua altezza e al tuo peso, ma anche al tuo stile di guida, alle tue preferenze e al viaggio che stai preparando: se da solo o in coppia con il passeggero, se su tratti esclusivamente asfaltati o anche sullo sterrato.

Vogliamo ricordarvi che Gionata Nencini ha offerto, a tutti i lettori di TrueRiders, uno sconto esclusivo per l’acquisto del suo libro, Manuale del Motoviaggiatore, un progetto editoriale realizzato in proprio, senza l’ausilio di case editrici, e per questo ancor più meritevole di attenzione.

Per usufruire dello sconto, vi basterà, all’atto dell’ordine del libro (disponibile a questo indirizzo) inserire il codice sconto trueriders.it, e avrete uno sconto sul prezzo finale d’acquisto. Visto che si avvicinano le festività, pensate a questo libro come ad un regalo per i vostri amici centauri più appassionati, sicuramente gli piacerà!