Sali a Borgo, il mototurismo alla scoperta dell’Italia minore

lago d’orta

Un’edizione straordinaria, che coinvolge partner di livello e che vedrà TrueRiders come ambiente dedicato al mondo del mototurismo italiano. Stiamo parlando di Sali a Borgo, una iniziativa promossa da “I Borghi più belli d’Italia”, Associazione che conta ad oggi 311 Piccoli Comuni certificati, con il patrocinio di ENIT – Agenzia Nazionale Italiana del Turismo, ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) e organizzato da Ecce Italia e Valica con il supporto di TrueRiders.

Si tratta della seconda edizione di questo interessante appuntamento che nasceva nel 2017 come strumento a sostegno delle zone terremotate del Centro Italia (furono realizzati 4 itinerari con motoraduni che toccavano molti Borghi tra Umbria, Lazio, Abruzzo e Marche) su impulso dell’ENIT, Moto Guzzi e la rivista Motociclismo, già in collaborazione con l’Associazione “I Borghi più belli d’Italia”.

Un appuntamento che la stessa Associazione ha deciso di riprendere e di rilanciare come marchio turistico, inserendolo tra le progettualità a favore della ripresa turistica nei piccoli centri del proprio circuito, oggi più che mai oggetto d’interesse per un turismo orientato a destinazioni domestiche in grado di garantire la sicurezza dei visitatori.

Senza contare che il viaggio sulle due ruote offre la possibilità di osservare le bellezze dei luoghi e dei paesaggi italiani da una prospettiva non solo “diversa” e affascinante, ma in linea con quella forma di turismo slow che i Borghi sono capaci di offrire: un’esperienza autentica a contatto con la bellezza, la natura e le tradizioni del territorio.

Il tutto, con la collaborazione di Valica, la Tourism marketing company della quale fa parte proprio TrueRiders, il più importante sito italiano dedicato al turismo su due ruote e con Europ Assistance, la Care Company del Gruppo Generali che ha da poco lanciato Viaggia Italia, una nuova assicurazione dedicata a chi in vacanza sceglie di scoprire il Bel Paese ma desidera protezione e assistenza non solo per sé stesso e i propri compagni di viaggio ma anche per gli amici a 4 zampe e i familiari rimasti a casa.

Sali a Borgo non è una rubrica o una serie di consigli, bensì un diario di viaggio emozionale in cui la scoperta della Bellezza si intreccia all’esperienza dei luoghi, a dimostrazione della ricchezza e dell’unicità dell’Italia in termini di offerta turistica. Un messaggio molto importante soprattutto per questa estate 2020, che si caratterizza per i nuovi criteri di distanziamento sociale e riorganizzazione dei viaggi dopo l’emergenza Covid-19.

L’edizione 2020 di Sali a Borgo permetterà a tutti i nostri lettori e seguaci sulle pagine social di conoscere alcune delle meraviglie d’Italia osservate dalle due ruote: un viaggio da vivere con lentezza, per gustare al meglio non solo i bellissimi Borghi selezionati tra le destinazioni, ma un percorso in cui squarci mozzafiato e scenari suggestivi, a tratti impervi, faranno da cornice al racconto.

Per raccontare al meglio l’Italia minore, quella dei borghi e dei luoghi inesplorati, abbiamo scelto un testimonial d’eccezione: è Roberto Parodi, esperto motociclista nonché seguitissimo travel blogger, conduttore televisivo e direttore della rivista tematica Riders Magazine. Parodi non ha bisogno di troppe presentazioni, soprattutto tra gli appassionati delle due ruote: sin da subito ci è parso il volto più autorevole al quale affidare la “conduzione” di Sali a Borgo, grazie alla sua lunga esperienza e all’empatia che lo contraddistingue.

Con i suoi oltre 300mila fan su Facebook e Instagram, Roberto saprà dare a questo progetto un contributo fondamentale, permettendo così di lanciare un importante messaggio sul turismo motociclistico nel Bel Paese.

Come funziona Sali a Borgo?

L’edizione 2020 vedrà protagonista Roberto Parodi, che sarà al centro di una narrazione multimediale che testimonierà tutti i momenti salienti del viaggio e delle singole tappe.

Particolare evidenza avranno le visite all’interno dei Borghi, tutti selezionati nel circuito de “I Borghi più belli d’Italia”, strutturate come esperienze sul territorio in cui Parodi ci condurrà alla scoperta delle bellezze da non perdere e dei posti più caratteristici.

Il tutto sotto la guida dei veri “portavoce” del Borgo: sindaci, amministratori, artisti, artigiani, vignaioli, cuochi, produttori gastronomici e tutte quelle persone che hanno fatto l’identità del luogo o che, con il loro mestiere, ne conservano la memoria nel solco di una lunga tradizione.

Ogni itinerario si svolgerà dal giovedì al sabato e attraverserà alcune delle strade più affascinanti del Nord Italia per fare tappa in 3 Borghi, sempre a cavallo tra 2 Regioni, dove le esperienze potranno spaziare dalle visite ai luoghi d’arte e ai principali punti di attrazione a quelle in botteghe storiche, cantine e altre aziende produttrici, oltre all’immancabile degustazione di specialità locali presso un ristorante tipico del Borgo.

Quali sono le tappe di Sali a Borgo?

Prima tappa: si parte giovedì 23 luglio da Brescia alla volta di Tremosine sul Garda, un’assoluta perla paesaggistica che affaccia a strapiombo sul lago, per proseguire verso il Veneto con sosta a Borghetto e Montagnana, tre Borghi non distanti tra loro ma profondamente diversi per impianto urbanistico, tesori architettonici e tradizioni enogastronomiche.

Tutt’altre suggestioni si apriranno dal secondo itinerario, previsto dal 30 luglio al 1 agosto: partenza da Asti con tappa a Neive, Finalborgo e Noli. Un viaggio che ci accompagnerà dalle morbide colline delle Langhe (patrimonio Unesco) – un tappeto di vigneti a perdita d’occhio punteggiato da torri, castelli, borghi, cantine e antichi casali – al fascino strabiliante e senza tempo della Riviera Ligure di Ponente.

Le tappe e le date del terzo e quarto itinerario, che partiranno rispettivamente il 3 e 10 settembre, saranno comunicate a breve.

Stefano Maria Meconi

Responsabile editoriale di TrueRiders sin dal 2015