Sali a Borgo, tappa 3: risaliamo in sella tra Lombardia e Piemonte

sali a borgo tappa 3

Dopo una breve pausa, riprendono i viaggi di Sali a Borgo alla scoperta su due ruote dei borghi italiani più affascinanti; luoghi perfetti per immergersi in atmosfere d’altri tempi che offrano esperienze artistiche, paesaggistiche ed enogastronomiche autentiche e originali. 

Sali a Borgo è un’iniziativa promossa da “I Borghi più belli d’Italia” con il patrocinio di ENIT – Agenzia Nazionale Italiana del Turismo e ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori), organizzata da Ecce Italia e Valica con il supporto di TrueRiders ed Europ Assistance Italia (che in occasione dell’estate 2020 ha proposto Viaggi Italia, una nuova soluzione per promuovere il turismo nel nostro paese in tutta sicurezza anche in caso di Covid-19).

Tra tracciati avventurosi e meravigliose strade panoramiche, anche le ultime due tappe di questo progetto sono state ideate per gli amanti delle due ruote che vogliano riscoprire il Bel Paese attraverso un turismo lento e di qualità. 

Tappa 3 di Sali a Borgo. Morimondo, Orta San Giulio e Ricetto di Candelo: in sella tra antichi mestieri, dalle attività cistercensi alle botteghe artigianali

La terza tappa, pronta a partire il prossimo 10 settembre, coinvolgerà il Parods in un itinerario di circa 300 chilometri, con partenza da Milano, alla volta di suggestive cittadine medievali tra Milano, Novara e Biella. I due precedenti itinerati hanno portato il nostro centauro alla scoperta di Veneto, Lombardia, Piemonte e Liguria. Lì ha potuto godere dei pregiati vini delle Langhe, passeggiare tra i carrugi liguri e visitare antiche fortezze medievali; e anche sfrecciare tra le gole della Strada della Forra, tra filari piemontesi e tra lussuregianti coste a strapiombo sul mare. Ma cosa ci aspetta in questa terza tappa?

Scopri le esperienze della prima e della seconda tappa di Sali a Borgo!

Le destinazioni

Il terzo itinerario partirà da Milano, una città che non ha di certo bisogno di presentazioni, alla volta del Parco Regionale della Valle del Ticino. 

La prima tappa sulla tabella di marcia sarà infatti Morimondo, un borgo in privincia di Milano di quattrocento anime sorto intorno all’omonima abbazia che nei secoli ne ha assicurato benessere e prosperità. Proprio l’Abbazia di Santa Maria di Morimondo è la principale attrazione; un luogo mistico risalente al XII secolo, in cui l’architettura monastica dalle gotiche volute gioca con la luce, lasciando poche concessioni alle decorazioni. 

Attraversato il Ticino ed entrati nella provincia di Novara, la seconda tappa sarà Orta San Giulio. Un’antico abitato a coronamento del lago è il magnifico spettacolo che ha valso a questa cittadina il titolo di uno dei borghi più belli d’Italia. Di particolare fascino è la piccola Isola di San Giulio, raggiungibile in battello o in motoscafo, dove è d’obbligo visitare la basilica romanica, dal palazzo vescovile e dall’abbazia.

Rimanendo in Piemonte, la terza e ultima visita sarà dedicata a Ricetto di Candelo, in provincia di Biella. Un borgo in cui sembra davvero di passeggiare nel Medioevo, non solo per gli edifici circostanti, ma anche per l’acciottolato originale che ancora lastrica le suggestive stradine. 

L’itinerario si concluderà con il ritorno a Milano, magari con uno spirito rinnovato che invoglierà a visitare le vestigia dell’antica Mediolanum sparse tra le vie dello Shopping e i centri finanziari. 

L’itinerario

L’itinerario, circolare, prevede per ogni spostamento delle strade alternative. Ogni mototurista può infatti optare ora per il percorso più curvilineo, ora per quello più lungo o magari per quello più breve, nel caso in cui la curiosità per la tappa successiva fosse troppo forte!

Questi i passaggi della tappa:

  • Milano – Morimondo – 37 km via A/ 7– Tempo: 50 min
  • Morimondo – Orta San Giulio: – 99 km via A4/E64 – Tempo: 1 h 23 min; – 85,4 km via SS336 dir– Tempo: 1 h 25 min; – 83 km via SP229 – Tempo: 1 h 27 min
  • Orta San Giulio – Ricetto di Candelo – 53,5 km SP142 – Tempo: 1 h 5 min; 59,7 km via Strada Statale Biellese/SP142 var – Tempo: 1 h 8 min; 80 km via A26 – Tempo: 1 h 8 min
  • Candelo – Milano – 97 km via A4/E64 – Tempo: 1 h 18 min

Programma

Come ormai abbiamo avuto modo di capire, ogni tappa sarà un’occasione per Roberto Parodi di scoprire non solo la bellezza dei borghi, ma anche la loro storia, i loro gioielli artistici, la vita e la cultura locale… senza tralasciare meritate pause goderecce.

Ecco perché, anche durante questo terzo viaggio, il nostro testimonial verrà accolto da figure di spicco della cittadinanza locale e sarà guidato alla scoperta delle specialità del territorio.

Intanto, allacciamo le cinture e prepariamoci alla visita dell’Abbazia di Santa Maria di Morimondo, un capolavoro unico al mondo che merita una lunga visita, e alla degustazione di prodotti tipici che ci aspetta a Ricetto di Candelo, insieme ad un giro tra le botteghe storiche artigianali.

A Orta San Giulio, il nostro testimonial visiterà il Sacro Monte d’Orta, patrimonio dell’Umanità UNESCO, l’isola di San Giulio con la sua Abbazia Mater Ecclesiae, il centro storico di Orta e il Museo del cinema all’aperto nella vicina Legro.

Come seguire Sali a Borgo

Sali a Borgo è un diario di viaggio…digitale da seguire qui su TrueRiders e non solo! Potete infatti scoprire le avventure del nostro testimonial anche sulle pagine Facebook e Instagram di TrueRiders e sui canali social di Roberto (Facebook, Instagram).

Ti sei perso gli itinerari delle prime due tappe? Recupera subito: