Picos de Europa, in moto sui massicci del Nord della Spagna

Picos de Europa




I Picos de Europa sono massicci montuosi nel nord della Spagna, affacciati sulla costa atlantica, con alcune delle vette più alte della penisola iberica. È un viaggio perfetto per i riders che amano le strade di montagna, ed è un’ottima “scusa” per andare alla scoperta della Spagna meno classica e turistica, che ripaga i più curiosi con l’immensità dei suoi paesaggi d’alta quota.  

Picos de Europa, l’itinerario

L’itinerario in moto dei Picos de Europa si sviluppa idealmente in tre giorni. È un massiccio molto vasto, e percorrerlo tutto richiede una certa disponibilità di tempo. Il tuo viaggio toccherà le comunità autonome delle Asturie, Cantabria e Castiglia e León. Assolutamente consigliato fermarsi nei borghi montani per mangiare e riposare in un B&B. Buon viaggio!

Mappa

Percorso

Il tour dei Picos de Europa è un giro ad anello, anzi a triangolo visto che il percorso descrive geograficamente tre lati di lunghezza simile. Il consiglio è programmare i pernottamenti in corrispondenza di ciascun “vertice”, a partire da Unquera, punto di partenza e di arrivo del viaggio in moto. 

Unquera si raggiunge attraverso la A-8 (Autovía del Cantábrico), che è l’autostrada che corre lungo la costa nord della Spagna. Da qui prendi la strada N-621 che si dirige verso le montagne lungo il fiume Deva; a Panes continua sulla sinistra sulla N-621. Prima di La Hermida valicherai il confine delle Asturie per entrare in Cantabria. Prosegui sulla stessa via, troverai curve più ravvicinate e tortuose nella zona di Vada, Ongajo, Vejo, fino al Puerto de San Glorio, confine con la regione Castiglia e Leon. Eccoti infine a Boca de Huergano, borgo in cui si conclude la tua prima tappa, con una bella vista sui laghi. 

Il secondo giorno sui Picos de Europa inizia prendendo la strada N-625 diretta verso nord: Vagacerneja, Puerto del Ponton, Oseja de Sajambre. Rientrerai quindi nella regione delle Asturie, attraverso il Desfiladero de los Bejos. La strada continua dritta verso Cangas de Onis, destinazione della giornata. 

Ultima giornata di viaggio: da Cangas de Onis puoi continuare ancora verso nord se vuoi raggiungere il mare e riprendere subito l’autostrada. Oppure se vuoi completare il triangolo del tour del massiccio montuoso, prendi la strada AS-114 diretta verso est (Soto de Cangas, Corao, La Estrada) e percorrila fino alla fine; tra punti panoramici, campeggi, castelli e attrazioni paesaggistiche, ritornerai sulla strada N-621 in corrispondenza di Panes / Siejo. Da qui è un attimo fare ritorno a Unquera, e concludere così il tuo giro dei Picos de Europa

Picos de Europa
Picos de Europa

Tutto ciò che c’è da sapere sui Picos de Europa

Dal 1995 la zona è stata riconosciuta Parco nazionale dei Picos de Europa, che come detto si estende in tre differenti comunità autonome – Cantabria, Asturie e Castiglia e León. È una delle formazioni montuose più “giovani” della penisola iberica, e prima del tuo viaggio ti invitiamo a scoprire le caratteristiche principali. 

Dove si trovano i Picos de Europa e quali sono le caratteristiche

I Picos de Europa si trovano nel nord della Spagna, a ridosso della costa che si affaccia sul Golfo di Biscaglia. Le pendici rocciose sono molto vicine alla costa, fino ad arrivare a 15 km dal mare, e questo fa sì che le pendenze di molte strade siano piuttosto accentuate.

I Picos de Europa fanno parte della Cordigliera Cantabrica, e sono suddivisi in tre parti: il massiccio Centrale (o degli Urrieles), Orientale (o di Andara) e Occidentale (o Cornion). Hanno alcune tra le vette più alte di Spagna: ben quattordici montagne, infatti, superano i 2.600 m di altezza, la più alta delle quali è Torre Cerredo, di 2.648 metri altitudine.

Picos de Europa
Picos de Europa

Cosa vedere nel tuo viaggio ai Picos de Europa 

Non vorrai mica stare tutto il tempo in sella: negli itinerari in moto sulle strade di montagna vale la pena fermarsi e fare almeno una passeggiata al giorno per visitare i villaggi oppure indossare le scarpe comode per una bella escursione. 

Ecco tre cose belle da vedere nei dintorni dei Picos de Europa: 

Laghi di Covadonga. O meglio, i Laghi di Enol, cioè Enol ed Ercina. Sono comunque noti con il nome di Covadonga perché è il centro di interesse più vicino (10 km) famoso per il santuario, la basilica, e la battaglia storica dell’anno 722 che vide la vittoria dei cristiani. È un borgo frequentato da molti pellegrini, e lo trovi svoltando a destra da Soto de Cangas verso l’interno dei massicci montuosi. 

Poncebos. È un piccolo paese di montagna (trovi la deviazione a pochi minuti da Cabrales) nel cui territorio si trovano delle gole stupefacenti. Sfruttando l’erosione naturale prodotta dal fiume Cares, nei primi anni del XX secolo furono scavate dall’uomo sezioni di roccia per perfezionare la centrale idroelettrica del luogo. Da questa azione è nato un sentiero escursionistico che è considerato tra i più belli del mondo.

Desfiladero de la Hermida. È un punto di interesse naturale che trovi proprio sul tuo percorso, all’ingresso in Cantabria. È una gola impressionante che si estende per 21 chilometri tra voragini di pietra e le acque del fiume Deva. È una Zona di protezione speciale per gli uccelli. Ed è un luogo dove siamo sicuri che scatterai mille foto, per ricordare il tuo viaggio in moto tra le bellezze naturali dei Picos De Europa!

Covadonga
Covadonga

Scopri anche

Avatar per Stefano Maria Meconi

Stefano Maria Meconi

Responsabile editoriale di TrueRiders sin dal 2015

Video Itinerari


PICOS DE EUROPA

  • Lunghezza (km): 220
  • Durata: 4 ore e 20 minuti
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Unquera
  • Arrivo: Unquera
  • Principali località attraversate: Boca de Huergano, Cangas de Onis