TrueRiders

In moto sulle strade dell’Abbadia di Fiastra

Abbadia di Fiastra 740x482 - In moto sulle strade dell’Abbadia di Fiastra

Un itinerario all’insegna del relax? TrueRiders vi propone un giro in moto in un territorio ricco di storia ed arte, immerso in una natura di splendida ed autentica bellezza

Un viaggio, quello di oggi, nei luoghi colpiti dal sisma del centro Italia lo scorso anno che con forza, coraggio e dedizione stanno cercando di ritornare alla normalità. Un luogo simbolo di una storia millenaria, ricco di arte, cultura e tradizioni, dal grande valore artistico e naturalistico. Ci rechiamo nel Maceratese, per un itinerario in moto nella Riserva naturale statale Abbadia di Fiastra. Un luogo di splendida bellezza che offre ai visitatori la possibilità di confrontarsi con un territorio che non ha affatto dimenticato le cose del passato e che tiene vivo e il rapporto indissolubile tra l’uomo e la natura. Sarà come immergervi davvero in un paradiso dalla forte atmosfera mistica dove anche il più rude biker si inchinerà di fronte a tanta bellezza e spiritualità.

Sarà un giro in moto all’insegna del relax e della scoperta di tesori unici del nostro patrimonio che spesso non sappiamo di avere.

Abbadia di Fiastra: un luogo dalla storia millenaria

Lago di Fiastra - In moto sulle strade dell’Abbadia di Fiastra
Un tour a stretto contatto con la natura

Il moto itinerario di oggi ci porta alla scoperta di luoghi e tesori nascosti in un paesaggio fatto di armonia e compostezza. Percorreremo ampiamente la Riserva che si estende per circa 1800 ettari in un territorio collinare che si distingue per il sodalizio tra selva e paesaggio agrario. Ma il valore della Riserva è senza dubbio legato alla sua storia millenaria. Qui, infatti, sorge l’Abbazia cistercense di Santa Maria di Chiaravalle di Fiastra, uno dei monasteri più antichi ed importanti di tutto il centro Italia.

Proprio per questo, il nostro, sarà un giro in sella immersi nella natura ma anche a stretto contatto con le grandi testimonianze di arte e storia che hanno reso grande questo territorio. E non mancherà una visita a tutti quei piccoli centri abitati, poco conosciuti e spesso fuori dai tradizionali itinerari turistici, che da sempre sono stati in stretto rapporto con l’abbazia e che custodiscono gioielli artistici e paesaggistici d’eccezione.

Abbadia di Fiastra: il tour

Raggiungere la Riserva non è affatto complicato. Percorrendo l’autostrada bisogna dirigersi verso A14 Ancona – Pescara, uscita di Civitanova Marche, e seguire la strada per Tolentino, in pochi minuti sarete arrivati a destinazione. Per chi, invece, decide di partire dalla Capitale o dai dintorni di Roma bisognerà raggiungere Spoleto, poi Foligno, seguendo SS77 e la superstrada per Civitanova Marche.

Dopo un bel percorso in moto, arrivati a destinazione ci concediamo una pausa e facciamo riposare anche la nostra moto. La Riserva propone diversi itinerari: quello che conduce verso il lago Le Vene, quello in direzione del fiume Fiastra e verso la Selva. Esperienze sensoriali tutte diverse dove è possibile toccare con mano l’autenticità della natura, all’interno dei quali sono state eliminate le barriere architettoniche per far si che tutti possano accedervi. Esperienze davvero incredibili e assolutamente consigliate.

Tappa imperdibile poi alla chiesa abbaziale di Santa Maria di Chiaravalle di Fiastra fondata nel lontano 1142 e che dopo una serie di vicissitudini storiche, è tornato ad essere, dopo il 1985, punto di riferimento spirituale grazie alla presenza dei Monaci Cistercensi, provenienti da Milano.

Ma dopo questo tour tra matura, arte e spiritualità torniamo in sella alla scoperta di tutti quei piccoli borghi ancora nascosti che si trovano nelle zone limitrofe: Urbisaglia, Colmurano, Loro Piceno, Mogliano, Petriolo, Tolentino. Tutti graziosi ed interessanti gioielli di un antico passato medievale che conservano tesori artistici eccezionali. Se siete amanti della storia e dei castelli senza dubbio una piccola sosta al Castello della Rancia, nei pressi di Tolentino non potete perderla. A voi la scelta per un pomeriggio all’insegna della riscoperta.