Arlberg

Arlberg
Arlberg, Austria in moto tra le vette delle Alpi

A metà strada tra il Vorarlberg e il Tirolo, in Austria, Arlberg è un massiccio della catena alpina, tra le vette più alte della Valluga. Imponenti sono le sue dimensioni con un’altezza che sfiora quasi i tre mila metri, arrivando a quota 2.811 ed un’area grande e rinomata che fa da spartiacque tra il Reno e il Danubio. L’Arlberg è conosciuto, infatti, come un comprensorio sciistico famoso e leggendario nel quale vengono raggruppate le località di St. Anton, St. Christoph, Stuben, Zürs e Lech che ogni anno richiamano turisti da tutto il mondo. 

Secondo gli studiosi l’origine del suo nome può essere ricondotta alla conformazione del suo territorio, un paesaggio fatto di rocce e vegetazione che si arrampica sui suoi versanti. Questo suo aspetto unito ad un clima piuttosto favorevole e ad una lungimiranza delle popolazioni locali che hanno saputo fare di una difficoltà del territorio un pregio, ha reso questa zona dell’Austria la culla degli sport invernali più disparati. 

L’Arlberg è la più grande area sciistica austriaca dove la neve non manca mai. Il manto bianco rimane intatto fino a primavera inoltrata. Così lo sci prima di essere uno sport e uno svago tra i più rinomati fu per queste popolazioni prima di tutto una necessità. Da qui le prima scuole di sci da cui fu inventata, nel XIX secolo, la prima discesa a spazzaneve, tecnica che si diffuse in tutto il mondo e che divenne la base dello sci alpino moderno. 

Arlberg, la culla dello sport 

Arlberg
I percorsi turistici dell’Arlberg attraversano zone di grande bellezza naturalistica

Regno indiscusso degli sport invernali, l’Arlberg si configura con paesaggi e impianti da favola. Vette, pendii e valli innevate d’inverno e verdeggianti d’estate che si prestano in ogni momento dell’anno ad accogliere gli sportivi più diversi. 

Certamente la neve gli ha regalato grande fama e grandi numeri: 305 chilometri di piste, 88 impianti di risalita e funivie, 200 chilometri di discese fuori piste e scarpinate ideali per i più avventurieri da percorrere insieme a guide esperte, circuiti permanenti ed una rete di accoglienza interminabile. Le attività da praticare in inverno sono infinite. Non solo sci di fondo, per esperti e principianti, ma anche snowboard e carving, escursioni invernali, arrampicate, slittino, parapendio e pattinaggio su ghiaccio. Il tutto con un elevato standard di sicurezza e comfort con divertimento e adrenalina assicurati. 

Ma l’Arlberg non è solo sci. È sport a 360 gradi in un ambiente naturale come pochi ne esistono ancora, tra aria pulita e una miriade di circuiti tra i quali scegliere per tenersi in movimento. Per gli escursionisti e gli amanti del nordic walking ben 300 chilometri di sentieri marcati, pareti rocciose ad alta quota, paradiso degli arrampicatori, strade ideali da percorrere in mountain bike e anche rafting su fiumi per chi cerca il brivido dell’acqua. 

L’Arlberg ospita anche alcune gare, dalla corsa alla bici. L’E-bike Fest St. Anton è il bike festival che per tre giorni porta in queste zone numerose bici che si sfidano in prove su strada e disquisizioni tecniche mentre la maratona di montagna Montafon Arlberg porta gli sportivi su sentieri di bosco e percorsi escursionistici nel cuore della natura.

In sella per il giro dell’ArIberg 

Arlberg
Una veduta invernale di Sankt Anton am Arlberg, tra le località sciistiche più belle della zona

Tra tutti questi sport non possiamo di certo mettere da parte la passione della moto. L’Arlberg accoglie posti meravigliosi, tutti da scoprire. In estate, lungo alcune delle strade panoramiche più belle d’Europa il brivido della due ruote regale itinerari mozzafiato. A cavallo tra Tirolo e il Vorarlberg, tra i Grigioni e la Baviera, nel cuore dell’Arlberg, il territorio è solcato dalla Silvretta, strada alpina austriaca, tra le più belle e panoramiche delle Alpi austriache, meta ambita di molti motociclisti.

La strada è aperta in estate ed è a pagamento e permette di fare il giro dell’Arlberg. Un circuito ad anello dove uno dei massimi punti di altitudine è il Passo dell’Arlberg. Si parte da St. Anton am Arlberg con una salita già avvincente ed un dislivello di circa 500 metri che porta dritto al Passo dell’Arlberg, siamo già a 1.793. Da qui si prosegue per Bludenz, scendendo a soli 588 metri di altezza e si vira verso sud fino ad arrivare a Partenen, ritornando sopra i mille metri. Si paga il pedaggio ed incomincia l’adrenalina con circa 30 tornanti attorno allo Stelvio. Solo 18 chilometri ed una pendenza del 6% per un tratto paradisiaco tra boschi e prati. 

Si raggiungere così il Bielerhole, il punto più alto del nostro moto-tour da cui si gode una vista bellissima sul lago artificiale di Silvretta. Obbligatorio spegnere i motori per godere del paesaggio e rifocillarsi con qualche colazione a sacco o, perché no, con una sosta nei diversi ristoranti per gustare i sapori di alta montagna. E se volete prendere una pausa lasciando riposare la vostra moto, potrete anche partecipare alle diverse escursioni organizzate che partono da qui.  

Si ritorna in sella e si scende veloci verso la valle di Paznaun tra prati pieni di cavalli e mucche al pascolo e piccoli laghi alpini. Qui la guida regala grandi soddisfazioni per gli occhi e lo spirito anche se i gomiti non sono come la prima parte del tragitto. Si supera Galtur fino ad arrivare a Ischgl, località turistica molto ambita, fino alla fine della Paznauntal. Si va avanti da Pians, per affrontare ancora una volta un dislivello di 500 metri e tornare alla meta di partenza, St. Anton am Arlberg.

TrueRiders