Il borgo delle 50 invenzioni geniali è una fantasia di colori a pochi minuti dal mare

Il borgo delle 50 invenzioni geniali è una fantasia di colori a pochi minuti dal mare

Paolo Albera  | 03 Apr 2024  | Tempo di lettura: 3 minuti
Saludecio

Esistono tanti “borghi dipinti” in Italia, con fantastici murales colorati di tutti i tipi, ma questo è unico nel suo genere. Le sue opere d’arte, infatti, hanno un tema ben preciso, ovvero le grandi invenzioni dell’Ottocento. Il centro di Saludecio è un curioso e piacevole viaggio in un secolo di progressi nel campo della tecnologia: arte e ingegno sono protagonisti di un vero e proprio museo a cielo aperto creato sui muri delle case. Tutto questo in una roccaforte medievale storicamente appartenente alla signoria dei Malatesta, che si trova a pochi minuti dalla Riviera Romagnola. Se dopo la visita vuoi “inventarti” una fuga al mare, anche questo è lecito!

Itinerario in moto per Saludecio, dalla Riviera Romagnola

Mappa

Percorso

A partire dalla Riviera Romagnola il percorso è piuttosto semplice. Da Rimini si può prendere la SP31 per Marano, Coriano, Croce, e poi la SP18 fino a Ghetto Cinque Quattrini; da qui completa l’itinerario con la SP44 che arriva a Saludecio. In alternativa, puoi partire da Riccione sulla SP50 o SP35 fino a Sant’Andrea In Casale, per poi raggiungere Ghetto Cinque Quattrini e arrivare a destinazione. Terza opzione (la più breve), da Cattolica è sufficiente prendere la SP17 e proseguire sempre dritto.

Tutte le attrazioni da non perdere a Saludecio

 

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Francilla (@francillam)

Saludecio, un museo all’aria aperta

Il centro storico di Saludecio è vivo e visitatissimo grazie ai suoi murales, disegnati sui muri delle case, tutti da scoprire in una passeggiata tra le vie e i vicoli. Le opere di street art sono ispirate alle grandi invenzioni dell’Ottocento, secolo in cui la cittadina visse un importante periodo storico. Qualche esempio? Tra le invenzioni rappresentate puoi trovare la Locomotiva, il Cinema, il Primo Fumetto, e tante altre. Sotto la direzione artistica di Marisa Russo, questa esposizione “en plein air” dura fin dai primi anni ’90.

I punti principali del borgo di Saludecio

La tua passeggiata nel centro medievale si snoda tra due punti cardine: la Porta Marina e la Porta Montanara, ingressi rivolti rispettivamente (come si può intuire) verso il mare e verso le montagne. La piazza principale è la Piazza del Santo Amato Ronconi, dove si trova la Chiesa di San Biagio, il Palazzo Municipale, e sullo sfondo si vedono il Borgo e la Torre Civica. Qui si trova anche il Museo di Saludecio e del Santo Amato Ronconi, museo di arte sacra. Tra un murales e l’altro, per guardare il panorama dall’alto del poggio, il belvedere perfetto è in Largo Santiago de Compostela.

 

Visualizza questo post su Instagram 

Un post condiviso da ⚠️Eleonora Macchia⚠️ (@_eleonoramacchia_)

La Chiesa di San Biagio

Tra i vari monumenti, non può mancare un ingresso nella Chiesa di San Biagio, che conserva in un’urna di vetro le spoglie di Sant’Amato Ronconi, che qui è particolarmente venerato.

Nei dintorni: Montegridolfo

Una volta visitato Saludecio, bastano pochi minuti in moto per andare anche a curiosare a Montegridolfo, balcone panoramico aperto sulla Romagna, con un castello cinto da mura che riporta ai secoli dal medioevo in poi, in cui questo territorio era aspramente conteso. Una storia che è durata fino a epoche belliche più recenti: durante la Seconda Guerra Mondiale la Linea Gotica passava proprio di qua – a essa è dedicato un museo a ingresso gratuito.

Paolo Albera
Paolo Albera

Scrivo di viaggi e musica - che a volte sono la stessa cosa.



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur