Passo dei Giovi, l’Appennino ligure in moto

passo dei giovi

Percorso fondamentale nella difficile organizzazione del traffico ligure, il Passo dei Giovi è una direttrice che unisce l’alta provincia di Genova.

Un territorio che, nonostante non presenti altimetrie di rilievo, è particolarmente eterogeneo poiché luogo di confine (geografico) tra Alpi e Appennini.

Oggi la strada, con l’apertura della vicina autostrada, ha perso parte del suo valore strategico ma compensa con la storicità del percorso. Un itinerario da weekend, ideale per mototuristi alle prime armi o per chi vuole conoscere l’entroterra ligure in modi diversi dal solito.

Tutto quello che c’è da sapere sul Passo dei Giovi

Geografia

Con una altitudine di soli 472 metri, il Passo dei Giovi può essere considerato uno dei valichi più bassi dell’intero arco appenninico, e non solo.

La strada si trova nell’alta città metropolitana di Genova, e permette sin dalla prima metà dell’Ottocento di mettere in collegamento le due località liguri di Busalla e Mignanego.

Il percorso ha una lunghezza complessiva di poco inferiore ai 13 chilometri (12,65 km per la precisione) e una pendenza massima che raggiunge il 6,7%.

Cenni storici e curiosità

La costruzione del valico del Giovi è completata 1823, come percorso alternativo al più alto e impervio Passo della Bocchetta. Fino ad allora, infatti, la Bocchetta aveva assolto all’importante collegamento tra la Pianura Padana e la Liguria marittima.

Questo genere di collegamenti, che ritroviamo a vario titolo sugli Appennini – ne è il caso più noto il Passo della Cisa – per oltre un secolo ha spinto l’espansione economica e turistica delle zone coinvolte.

Lungo il Passo dei Giovi, nel 1854, si inaugura il tracciato ferroviario che ancora oggi unisce Torino e Genova. È il cosiddetto secondo valico (il primo è, ovviamente, quello stradale) che a breve verrà superato dal terzo valico dei Giovi, un fondamentale progetto ferroviario che, unendo Genova e Novi Ligure, permetterà di accorciare notevolmente i tempi di percorrenza tra i capoluoghi piemontese e ligure.

Con la costruzione della camionale, ovvero l’antesignana dell’Autostrada A7 – inaugurata nel 1935 – la statale del Giovi perse progressivamente importanza. Oggi, la SS35 continua ad avere una funzione logistica locale, ma è molto meno trafficata di un tempo.

Cosa vedere nei dintorni del Passo dei Giovi

Busalla, uno dei due termini del Passo dei Giovi, è un borghetto di epoca longobarda originariamente sotto la tutela dell’Abbazia di Bobbio, in Val Penice.

Attraversato dal torrente Scrivia, presenta come molti borghi liguri numerosi edifici religiosi – tra i quali la Chiesa parrocchiale di San Giorgio e il Santuario di Nostra Signora della Bastia. Da ammirare anche la Villa Borzino, una palazzina in stile Liberty di inizio Novecento che oggi ospita l’Ente Parco Antola.

Mignanego, poco lontano, ospita invece il Santuario di Nostra Signora della Vittoria: il complesso, consacrato a metà del Settecento, fu costruito nel luogo dove le truppe genovesi, nel 1625, sconfissero i soldati di Carlo Emanuele di Savoia.

La località, molto amata dalla “Genova bene” sin dall’Ottocento, ospita numerosi villini novecenteschi di grande pregio architettonico, come Villa Ida e Villa Anna. Presso la vicina Villa Ramenzoni, nel 1949, trovarono per breve periodo ospitalità i bambini mutilati di guerra sotto la cura del beato Don Gnocchi.

Passo dei Giovi in moto

Mappa

Percorso

Sebbene il percorso del Passo dei Giovi sia particolarmente breve e non presenti difficoltà specifiche, è interessante percorrerlo per conoscere l’espansione turistica del Genovese tra Ottocento e Novecento.

L’itinerario che proponiamo parte da Busalla e, oltrepassando il valico in direzione di Mignanego, ci porta fino al centro della Città della Lanterna.

Lasciata Busalla (facilmente raggiungibile tramite la A7 Milano – Serravalle Genova) ci immettiamo sulla SP35 che, dopo un tratto abbastanza agevole, si apre in una successione armonica di tornanti.

La breve salita, sulla quale incontriamo la Chiesa della Santissima Ascensione e Villa Orsi, ci porta in “vetta” in località Ponterosso, a poco più di 400 metri sul livello del mare.

Da qui il nostro percorso ridiscende gradualmente verso la vicina Mignanego, dove si ricongiunge al tracciato ferroviario del cosiddetto “secondo valico”. Invece di terminare qui il viaggio, continuiamo lungo la Provinciale 35 con destinazione finale Genova: venti chilometri di entroterra ligure lungo i quali supereremo San Quirico, Pontedecimo e Rivarolo.

Viadotto Genova San Giorgio
Il Viadotto Genova San Giorgio, inaugurato il 4 agosto 2020 e progettato da Renzo Piano

L’approdo in città, seguendo il percorso del torrente Polcevera, ci regalerà anche la vista del nuovo Viadotto Genova San Giorgio, inaugurato il 4 agosto 2020 in sostituzione del fu Ponte Morandi, crollato il 14 agosto 2018 e progettato dall’archistar genovese Renzo Piano.

Stefano Maria Meconi

Responsabile editoriale di TrueRiders sin dal 2015