Tolfa e la Tuscia, itinerario in moto nell’Alto Lazio

Tolfa, Monti della Tolfa

I Monti della Tolfa, immersi tra gli affascinanti scenari dell’Alto Lazio e della Maremma Laziale, si prestano con successo a un itinerario motociclistico capace di convincere gli appassionati del mototurismo della bontà di questi luoghi.

Una natura seducente, spesso scevra di qualsiasi traccia della presenza umana e per questo incontaminata, pura ed essenziale rispetto alla ricerca della “quiete del viaggio”. Una terra privilegiata da scoprire tra borghi piccoli e incantati, Tolfa in testa, e suggestivi panorami che si alternano lungo 150 chilometri del Lazio più autentico.

Quello che segue è un estratto dell’articolo che puoi leggere per intero sul Magazine Valica:

La zona dei Monti della Tolfa, insieme con l’Alto Lazio e la Maremma Laziale, ben si prestano a un itinerario motociclistico che convinca gli appassionati del mototurismo della bontà di questi luoghi. Qui si incontra una natura seducente, spesso priva di qualsiasi traccia della presenza umana e per questo incontaminata, pura ed essenziale rispetto alla ricerca della “quiete del viaggio”.

Una terra pregevolissima, dove spicca la presenza del borgo di Tolfa – famoso non solo per le sue architetture storiche ma anche per la catana, elegante borsa in pelle prodotta dagli artigiani locali – da impiegare come tappa intermedia in questo percorso lungo i Monti della Tolfa.

Non vi è una singola possibilità di viaggio in queste zone degne di nota, ma l’itinerario che abbiamo immaginato – 150 chilometri e 3 ore di percorrenza, soste escluse – può essere considerato un buon compromesso tra la voglia di viaggiare tipica dei centauri e l’opportunità che questo comprensorio territoriale, classificato come Zona a Protezione Speciale in virtù dell’importanza naturalistico-ambientale che ricopre.

 

Continua a leggere su Magazine Valica

Avatar per TrueRiders

TrueRiders


TOLFA

  • Lunghezza (km): 149
  • Durata: 2 ore 58 minuti
  • Partenza: Bracciano
  • Arrivo: Bracciano
  • Chiusura invernale:  no
trueriders