TrueRiders
shutterstock_772962277

L’Ungheria in moto è un meraviglioso paese da scoprire. Sono tantissime le destinazioni che possiamo raggiungere per poter ammirare panorami unici nel loro genere, senza dimenticare monumenti, edifici storici, meravigli della natura, come ad esempio il Lago Balaton.

Da ovest a est e da nord a sud sarà un piacere percorrere le strade di questo paese europeo, alla scoperta della sua storia e della sua cultura.

Un viaggio alla portata di tutti i centauri e di tutti i motociclisti che hanno deciso di intraprendere un percorso che li porterà a creare ricordi che saranno serbati per sempre nel cuore e nell’anima.

Un itinerario che ci porta alla scoperta dell’Ungheria in moto partendo da Tokaj per arrivare nella città di Pécs. In mezzo tutta una serie di strade indimenticabili, di città da scoprire, di luoghi da assaporare e da gustare, per non perdersi niente di un viaggio in moto che rimane sicuramente uno dei più affascinanti da percorrere nel Vecchio Continente.

Mappa

Informazioni utili

  • Partenza: Tokaj
  • Arrivo: Pécs
  • Durata: 6 ore e 29 minuti
  • Lunghezza: 444 chilometri
  • Principali città attraversate: Tokaj, Debrecen, Szolnok, Pécs

Ungheria in moto. L’itinerario

Questo viaggio in moto parte da Tokaj, una città che si trova nella provincia di Borsod-Abaúj-Zemplén, nel distretto dove viene prodotto il vino Tokaj.

Sicuramente la città è famosa nel resto del mondo proprio per i suoi vigneti, che si trovano in questa zona dal 1067, anche se la città è stata menzionata molti decenni prima. Il castello che possiamo ammirare oggi non è l’originale, che fu distrutto dai mongoli.

Da Tokaj prendete la strada 38 direzione Sud, passando vicino alla città di Nyiregyhaza, grosso centro abitato dell’Ungheria nord orientale, settima città del paese. Una perla tutta da scoprire. Proseguiamo il nostro viaggio sulla strada 4, direzione sud finché non raggiungeremo il centro abitato di Debrecen.

Ungheria in moto. Debrecen
Ungheria in moto. La Grande Chiesa Riformista di Debrecen è il simbolo del protestantesimo ungherese, e la città è spesso definita la “Roma calvinista”

È una città molto importante dell’Ungheria, la più grande dopo Budapest, e ha origini medievali, anche se gran parte dei suoi edifici sono stati distrutti durante la seconda guerra mondiale. Se passate di qui in agosto, ricordatevi che il 20 si tiene un grande evento, il Virágkarnevàl o Carnevale dei fiori, con una sfilata di carri fatta solo di fiori, accompagnati da musica, majorette e artisti che provengono da tutta Europa.

Riprendiamo la strada 4 (E573) per dirigerci verso l’altra sosta di questo nostro viaggio. Arriveremo in breve tempo nella città di Szolnok, dove ammirare ad esempio i resti di un castello medievale, ma anche per poter frequentare i tanti centri termali con piscine che sorgono in questa zona. Purtroppo durante la seconda guerra mondiale venne pesantemente colpita.

Ungheria in moto. Debrecen
Ungheria in moto. La città di Debrecen, con le sue meravigliose architetture antiche e contemporanee

Saliamo ancora una volta in sella alla nostra moto per prendere la strada 44 verso Kecskemet e poi la 52. Arrivati a Dunafoldvac prendere la strada numero 6 che ci porterà alla fine di questo itinerario in moto.

Dopo qualche chilometro, infatti, arriveremo nella città di Pécs, che si trova vicino al confine croato. È la quinta città ungherese e capoluogo della regione Baranya. È molto famosa per la sua produzione di birra e di porcellane. Ma potrete anche ammirare la doppia anima di questa città: da un lato edifici e monumenti medievali, dall’altro una serie di strutture moderne e contemporanee.

TrueRiders

TrueRiders