TrueRiders

Passo del Tonale, in moto sulle Alpi Retiche

Passo del Tonale

Il Passo del Tonale è una meta molto apprezzata ogni anno da moltissimi motociclisti in visita nella zona, quasi una tappa obbligatoria per le dueruote in Lombardia.

Grazie all’intenso traffico di visitatori il Tonale rimane aperto per tutta la durata dell’anno e le strutture ricettive sono sempre gremite, anche per via delle diverse attrazioni che il luogo ha da offrire, come ad esempio l’Adamello Ski Raid.

Il Passo del Tonale: 365 giorni di adrenalina

Il Passo del Tonale, nonostante si trovi sulle Alpi, è uno dei tratti di strada più bassi, fino a un’altezza massima di 1884 metri. Per farsi un’idea della grande differenza di altezza il più famoso Passo dello Stelvio si innalza a oltre 2700 metri.

Più precisamente, quando si parla di Passo del Tonale si intende sia questo e anche il passo della Mendola, visto che il tratto di strada è unico. Il Tonale passa per la SS42, una delle superstrada sulle Dolomiti più percorsa dai motociclisti che collega Treviglio da un lato e Bolzano dall’altro.

La SS42 è infatti una tappa obbligata durante la vacanza in moto sulle Dolomiti perché offre per oltre 200 chilometri curve adrenaliniche e paesaggi mozzafiato. Di questi 200 chilometri solo circa 20 costituiscono il Passo dello Stelvio e della Mendola.

L’itinerario

L’itinerario parte dalla città di Vermiglio e si snoda per circa un’ora fra curve e salite in pendenza fino a collegarsi a Ponte di Legno. Il Passo del Tonale è la porzione della SS42 più apprezzata di tutti perché mostra una forte urbanizzazione rispetto ad altri luoghi sulle Dolomiti.

Infatti non è difficile ritrovare tantissimi altri gruppi di motociclisti che transitano ogni giorno per queste strade. Il Passo si presenta per la maggior parte come un lungo rettilineo, anche se non mancano i punti pieni di curve, specialmente a ridosso dei punti di partenza e di arrivo. In particolar modo nel momento in cui si esce da Vermiglio e ci si immette sulla SS242 e quando si entra nel Parco dell’Adamello verso Ponte di Legno sono presenti dei tornanti molto interessanti. La carreggiata è piuttosto larga e ben tenuta e rende il cammino a due ruote agevole per tutti i tipi di moto che siano sportive o da viaggio.

Il Passo del Tonale, a differenza di molti altri presenti sulle Alpi e sugli Appennini, rimane aperto tutto l’anno ed offre attrattive ai viaggiatori su due ruote ogni giorno dell’anno.
La strada del Passo del Tonale è spesso meta di tour organizzati sui gruppi su Facebook o motoraduni. Basta infatti una semplice ricerca tra i diversi gruppi di motociclisti interessati ai tour sulle Dolomiti per trovare altri appassionati e visitare insieme il Passo del Tonale.

Passo del Tonale mappa

Informazioni utili

  • Partenza: Vermiglio
  • Arrivo: Ponte di Legno
  • Lunghezza: 21 chilometri
  • Durata: circa un’ora

Cosa fare a Passo del Tonale

Durante il periodo invernale ovviamente il cammino diventa più difficile sia per le alte temperature che per la possibilità di trovare ghiaccio sulla strada, per quanto l’asfalto sia tenuto in buone condizioni. È invece meno probabile incontrare della neve dal momento in cui le strade vengono ripulite frequentemente.

Ad ogni modo, per godere al meglio di un’escursione in moto a Passo del Tonale è bene muoversi a partire dalla seconda metà di maggio fino al massimo di inizio novembre, perché in questo periodo altri tratti come il Passo dello Stelvio sono aperti alla circolazione.

Il Passo del Tonale, come detto, è aperto 365 giorni l’anno ed offre attrattive per ogni periodo. Durante i mesi invernali l’ideale per un’escursione fuori porta sarebbe di andare con la propria dueruote in una delle tantissime strutture ricettive presenti sul territorio e dedicarsi a una giornata sulle piste da sci.

Su queste si accede tramite le diverse funivie e seggiovie lungo il Tonale, sulle quali poi si potranno praticare tantissimi sport invernali, seguiti anche da maestri su ben 100km di piste. Non sarà inoltre un problema portare l’attrezzatura in moto dal momento in cui si può comodamente affittare nei diversi negozi presenti. A questo proposito, per tutti gli appassionati del genere ogni anno nel periodo di febbraio si svolge l’Adamello Ski Raid. Si tratta di una delle competizioni più importanti in zona nello sport di scialpinismo.

Invece durante il periodo della bella stagione le attrattive cambiano radicalmente. SI può ancora utilizzare la cabinovia a Ponte di legno per muvoersi verso l’alto ed affrontare i diversi sentieri da trekking.

Un’altra attrazione molto importante sul Passo è il Sacrario monumentale del Tonale. Il Sacrario del Tonale è un progetto di Pietro del Fabbro che ha ampliato una struttura precedente. Si tratta di una cripta pensata per commemorare i Caduti della Prima Guerra Mondiale appartenenti alle vicine province di Trento e di Brescia.

Una volta entrati nella cripta sci si troverà davanti a un’altare con un Cristo Risorto, mentre girando per le diverse aree del Sacrario Monumentale si ritroveranno un altare con molte decorazioni e quattro candelabri. La più suggestiva delle opere ivi contenute è una copia della Vittoria Alata contenuta nel Museo di Santa Giulia a Brescia. La Vittoria Alata si trova lì per commemorare e celebrare la vittoria dei partigiani durante gli scontri per respingere gli invasori verso l’Europa.

Per tutta la durata dell’anno il Passo del Tonale offre ai propri visitatori un buon numero di ristoranti, trattorie e quant’altro dove assaggiare le diverse specialità delle Dolomiti e della Lombardia, tra cui i caratteristici risotti.

TrueRiders