Laghi della Sila, in moto nel cuore della Calabria


La Calabria più famosa è forse quella di mare, ma sui monti dell’entroterra ci sono attrazioni naturali che ci fanno godere della bellezza di questa regione da un punto di vista del tutto differente. I Laghi della Sila si trovano nel Parco Nazionale della Sila, area protetta situata sul vasto altopiano posto al centro della regione, a cavallo delle province di Cosenza, Catanzaro e Crotone. È il momento di accendere il motore e fare il giro di questi specchi d’acqua che vanno oltre i mille metri di altitudine. 

Laghi della Sila in moto, l’itinerario

Il giro dei Laghi della Sila è un’ottima idea per un viaggio in moto in estate in Calabria, alla scoperta di luoghi meno turistici rispetto alle spiagge affollate. È un itinerario comunque buono per i mesi da fine maggio a inizio ottobre. Meglio evitare i mesi invernali perché il freddo si fa sentire – infatti i laghi spesso diventano ghiacciati: la cosa migliore diventa mettere gli sci ai piedi!

Mappa

Percorso

La partenza è da San Giovanni in Fiore, comune a 1049 metri di altitudine, che per molto tempo è stato il comune più esteso della Calabria fino alla fusione tra i comuni di Corigliano Calabro e Rossano. Una bella sequenza di curve tornanti ti fa salire gradualmente fino al Lago Ampollino (1279 m.s.l.m.). 

Ritorna dalla strada con cui sei arrivato, e svolta a sinistra in direzione Cagno, Ceraso, Ramundo, e infine sulla SS108bis verso Lorica “perla della Sila” che si trova affacciata sul Lago Arvo.

Torna indietro fino a Rovale e svolta a sinistra sulla SP211 fino a San Nicola Silano. In questa zona ci sono due piccoli specchi d’acqua, Ariamàcina e Votturino.

Qui prendi a sinistra la Strada statale 107 fino a Camigliatello Silano. Da qui dirigiti verso la destinazione finale del tuo giro dei Laghi della Sila in moto, attraverso la SP247 e la SP206, raggiungendo lo specchio d’acqua più grande di Calabria: il Lago Cecita

Tutto ciò che c’è da sapere sui Laghi della Sila

I Laghi della Sila sono in totale sei, tutti artificiali. I principali sono il Lago Arvo, il Lago Cecita e il Lago Ampollino. Molto più piccoli, ci sono anche i bacini di Ariamàcina, del Votturino e del Passante. Si trovano tra i 1100 e i 1400 metri di altitudine all’interno del Parco Nazionale della Sila, tutelato dal 1997.

Ecco tutte le informazioni sulle tappe del tuo giro dei Laghi della Sila, comprese le indicazioni se si può fare il bagno o no, cosa che è un toccasana nei mesi estivi!

Lago Ampollino

lago ampollino

Il Lago Ampollino è il primo bacino artificiale realizzato sulla Sila (terminato nel 1927), con una diga e un impianto con funzione idroelettrica. Si trova a 1279 metri di altitudine a cavallo di quattro comuni – Aprigliano, San Giovanni in Fiore, Taverna, Cotronei – e di ben tre province: Cosenza, Crotone, Catanzaro. È alimentato dal lago Arvo e dal lago del Savuto nei periodi di siccità. 

Qui si può pescare, fare un giro in canoa, col pedalò o sul battello elettrico. E si può anche fare il bagno. 

Lago Cecita

Laghi della Sila - Cecita

Il Lago Cecita – detto anche Mucone – è il lago più grande della Calabria (12,6 km² di superficie). È artificiale, ed è stato realizzato negli anni ‘50 sbarrando con una diga il fiume Mucone, con l’intento di produrre energia idroelettrica. Si trova a 1143 metri di altitudine al centro tra i comuni di Spezzano della Sila (frazione Camigliatello Silano), Longobucco e Celico. 

Su questo specchio d’acqua è vietata la navigazione e anche la balneazione. È aperta la pesca in alcuni periodi dell’anno, durante i quali si svolgono gare di pesca sportiva. 

Lago Arvo

Lago Arvo

Il Lago Arvo è il secondo più grande della Calabria; si trova a 1280 metri di altitudine tra i comuni di San Giovanni in Fiore e Aprigliano. Venne realizzato tra il 1927 e il 1931 per fini di produzione di energia idroelettrica. Ha la particolarità di avere una diga costruita in terra e argilla – tecnica avveniristica per l’epoca. 

Non è adatto alla balneazione; per la sua forma allungata si è rivelato perfetto per le gare di canottaggio, che qui si svolgono nella bella stagione. 

Gli altri laghi: Ariamàcina, Votturino, Passante

Ariamacina, Sila

Anche gli altri laghi della Sila – quelli di Ariamàcina, Votturino, Passante – sono stati creati artificialmente per la produzione di energia elettrica. Sono posti rispettivamente a 1316, 1420 e 1123 m.s.l.m. e non sono adatti alla balneazione. 

Tra questi, quello del Votturino ha una particolarità: è vuoto. È stato utilizzato solo per circa vent’anni, in seguito è stato svuotato poiché sottoutilizzato. 

I borghi più belli dei Laghi della Sila: quali vedere

san giovanni in fiore
L’Abbazia Florense di San Giovanni in Fiore

San Giovanni in Fiore, secondo comune più esteso della Calabria, è molto popolato pur trovandosi a oltre mille metri di altitudine. Il territorio comprende diverse montagne, fiumi, laghi. Da vedere è l’Abbazia Florense, uno dei più grandi edifici religiosi della regione. 

Lorica, a 1314 m.s.l.m., è una particolare frazione divisa tra due comuni: una parte in San Giovanni in Fiore e una parte in Casali del Manco. È una località turistica particolarmente attiva in inverno, grazie alla sua stazione sciistica. Da fare: una bella passeggiata lungo il lago Arvo

Anche Camigliatello Silano (1272 m.s.l.m., frazione montana del comune di Spezzano della Sila) è un centro turistico invernale con piste da sci, impianti di risalita, luoghi attrezzati per sport invernali. Ma è stato anche tappa per ben due volte del Giro d’Italia – l’ultima delle quali nel 2020. Stavolta invece sarà tappa del tuo Giro dei Laghi della Sila in moto!

Scopri anche

Video Itinerari


LAGHI DELLA SILA

  • Lunghezza (km): 82
  • Durata: 2 ore
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: San Giovanni in Fiore
  • Arrivo: Lago Cecita
  • Principali località attraversate: Lago Ampollino, Lorica, Camigliatello Silano