Pianura Emiliana, viaggio in moto tra arte e castelli


La Pianura Emiliana offre città d’arte, borghi storici, castelli di ogni epoca. Dai comuni più piccoli alle località più famose, c’è sempre qualcosa che vale la pena visitare, e qualcos’altro di meno noto che vale la pena scoprire. La moto è il mezzo ideale per esplorare – in un unico viaggio – tutti i luoghi più belli della bassa padana. 

Non senza una bella mangiata nei luoghi dove si mangia la buona cucina della tradizione: ti diremo dove!

Pianura Emiliana, l’itinerario

L’itinerario che si addentra nella Pianura Emiliana forse non è l’ideale nel caldo afoso di una giornata estiva. Ma è sicuramente un’ottima idea nelle mezze stagioni, o anche in inverno, in cui è bello fermarsi per una visita in un museo o sedersi a tavola di fronte a un piatto di lasagne o tagliatelle al ragù. L’accorgimento da usare è di evitare le giornate con troppa nebbia o foschia. 

L’itinerario si snoda tra due città d’arte Unesco, Ferrara e Modena, e tocca borghi emiliani pieni di luoghi d’interesse e meritevoli di una tappa. 

Mappa

Percorso

Ferrara, la splendida città del Castello Estense, è il tuo punto di partenza del tuo viaggio in moto. Dirigiti ad ovest nella direzione dell’Autostrada A13 Bologna-Padova, ma rimani sulla SP69 fino alla cittadina di Bondeno

La Pianura Emiliana è un dedalo di canali d’acqua e di strade d’asfalto. Ciò che devi fare a Bondeno è continuare nella tua direzione di viaggio verso ovest, imboccando via Dazio e poi via Finalese fino a Finale Emilia, lungo il fiume Panaro.

Attraversa il fiume Panaro prendendo la SS468 che in pochi minuti ti porta a Reno Finalese, e poi gira a destra sulla SP6 verso Reno Centese (Via Finalese). Continua attraversando Pilastrello e raggiungendo Cento

Dopo aver visitato la Rocca, vai in via IV Novembre e svolta a destra in Via del Curato, fino all’imbocco della SP255 che devi prendere in direzione sinistra. A San Matteo della Decima prendi la SP1 in direzione Crevalcore, a pochi minuti in moto. 

Passato Crevalcore, svolta a destra sulla SP568 in direzione nord verso Camposanto e poi San Felice sul Panaro. Continua verso Ponte San Pellegrino, e qui svolta a sinistra sulla SP8 che ti porta a Mortizzuolo e poi a Mirandola

A Mirandola esci dal centro abitato e prosegui in direzione Carpi: la SP468R ti porterà verso il più popoloso comune modenese (dopo il capoluogo). Infine per arrivare a destinazione prendi la SP413 che ti porta fino ad attraversare il Secchia e arrivare a Modena

Luoghi e località da vedere nella Pianura Emiliana

Cosa vedere nel viaggio in moto nella Pianura Emiliana? Quali attrazioni visitare? Dove fermarsi per mangiare? Ecco le risposte, città per città, in modo da esplorare in un paio di giorni questo territorio ricco d’arte, borghi e castelli. 

Ferrara

ferrara

Ferrara è città d’arte riconosciuta dall’Unesco, di grande importanza nel Rinascimento, governata per tre secoli dalla dinastia degli Estensi. Da ammirare oggi c’è il Castello Estense, antica residenza dei duchi d’Este, e i tanti palazzi d’epoca (Costabili, Diamanti, Schifanoia) le cui sale ospitano spesso musei ed esposizioni artistiche. 

A tavola, prova i tradizionali Cappellacci (tortelli ripieni di zucca e parmigiano), il Pasticcio di maccheroni, e la Salama da sugo. Dove assaporare la cucina tradizionale ferrarese? Vai a Cusina e Butega (Corso Porta Reno 28) oppure a Forno Cappelli (via Ripagrande 4) per provare la Coppia, tipico pane ferrarese. 

Bondeno 

Bondeno

Luogo iconico di Bondeno è la Rocca di Stellata. Nota anche come Rocca Possente, è una struttura difensiva originaria dell’anno Mille, posta sulla riva meridionale del fiume Po, con lo scopo di controllo del traffico fluviale e di riscossione dei dazi doganali. 

Per una bella mangiata, fermati alla Trattoria La Famiglia (via Gallini 12), luogo accogliente dove gustare la cucina tradizionale

Finale Emilia

Perché si chiama Finale Emilia? Per la sua posizione storicamente di confine tra il Ducato di Modena e lo Stato Pontificio – oggi in provincia di Modena al confine con quella di Ferrara. Qui c’è il Castello delle Rocche (anche noto come “Rocca Estense”) e la Torre dei Modenesi (anche chiamata Torre dell’Orologio) entrambe danneggiate dal terremoto del 2012.

In Via Trento e Trieste 9/c trovi l’Osteria La Fefa, il ristorante ideale dove assaporare le delizie tipiche emiliane in una pausa dal tuo itinerario in moto. 

Cento

Carnevale di Cento

Cento è città famosa per il suo Carnevale tra i più importanti d’Italia, le cui famose sfilate hanno luogo in primavera. È anche città dove svetta la Rocca di Cento, fortificazione difensiva eretta nel 1378 per volere del vescovo di Bologna. L’edificio ospita mostre e attività culturali in ogni periodo dell’anno. 

Hai fame? Al Girone dei Golosi trovi ottimi menu degustazione oppure grandi classici della pianura emiliana come le tagliatelle al ragù. Indirizzo facile da ricordare: Via Cesare Cremonino 50. 

Crevalcore

Entriamo nelle “Terre d’Acqua” emiliane alla scoperta di Crevalcore, estremità nord-occidentale della provincia di Bologna. Qui troviamo il Castello dei Ronchi, il Castello di Galeazza, il Castello di Palata Piepoli.

Se avverti un “leggero languorino”, fermati alla Taverna del Cuore (via Solferino 53) per assaggiare le specialità bolognesi

San Felice sul Panaro

La Rocca Estense è il monumento simbolo di San Felice sul Panaro. L’edificio, realizzato nel 1340, ha subito nei secoli varie trasformazioni (come spesso accaduto per gli edifici del ducato Estense). I lavori di recupero post-sisma del 2012 lo stanno riportando agli antichi splendori. 

Dove mangiare? Al Pasteggio A Livello in Via Perossaro Vecchia 407, luogo con belle decorazioni murali a tema musicale.

Mirandola


Nel centro storico di Mirandola c’è il Castello dei Pico, edificio famoso in Europa perché aveva la nomea leggendaria di essere una fortezza inespugnabile. 

All’interno della storica Torre c’è il ristorante La Tigella dei Pico, locale elegante dove la tigella è protagonista nelle ricette tradizionali emiliane e gourmet proposte dallo chef. 

Carpi

Carpi

A Carpi governavano non la famiglia degli Estensi ma la famiglia dei Pio. A questa dinastia è intitolato il Castello che si trova in Piazza dei Martiri e ospita il Museo del Palazzo e il Museo della Città.

Ci sono molti luoghi dove mangiare; tra i più apprezzati c’è il ristorante il Barolino dove puoi trovare cappelletti fatti a mano secondo la tradizione.

Modena

Modena

A Modena, punto di arrivo del tuo viaggio in moto nella pianura emiliana, conviene passare più di un giorno, per visitare le tante attrazioni che offre. Tra queste, il Duomo di Modena, la Torre Ghirlandina, il Palazzo Ducale, il Museo Enzo Ferrari, la Casa Museo Luciano Pavarotti

Tra tutte queste visite avrai bisogno di una sosta per mangiare: la Sosta Emiliana (Piazza XX Settembre 21) fa al caso tuo, con piatti adatti sia a un pasto veloce che a un pranzo coi fiocchi.

Scopri anche

Video Itinerari


PIANURA EMILIANA

  • Lunghezza (km): 137
  • Durata: 3 ore
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Ferrara
  • Arrivo: Modena
  • Principali località attraversate: Bondeno, Finale Emilia, Cento, Crevalcore, San Felice sul Panaro, Mirandola, Carpi